Related Posts with Thumbnails

22 maggio 2006

Immigrazione clandestina - Porte aperte per chi parte?


Il neoministro alla Solidarietà sociale Paolo Ferrero è deciso ad abrogare subito la legge Bossi-Fini sull'immigrazione e regolarizzare gli extracomunitari presenti nel nostro Paese.

"La Bossi-Fini ha prodotto disastri, rendendo di fatto impossibile entrare legalmente in Italia", ha detto Ferrero (Rifondazione) in un'intervista pubblicata oggi dalla Stampa a proposito della discussa legge sull'immigrazione varata dal precedente governo di centrodestra.

"Occorre quindi abrogare la Bossi-Fini, cambiando strada e superando anche i Centri di permanenza temporanea", ha aggiunto.

Ferrero, dunque, vuole regolarizzare gli extracomunitari "che sono sul territorio nazionale, anche quelli clandestini, a condizione che abbiano un lavoro, anche al nero".

Per il neoministro, il centrodestra ha adottato "una inutile politica repressiva creando un clima da guerra tra i poveri. Occorre rovesciare questa impostazione combattendo l'insicurezza sociale a tutti i livelli ... allargando i diritti per tutti, con politiche che includano nella società invece di emarginare".

Mantovano (AN) ha commentato: "Se fosse realizzato solo il 50% di cio' che il neoministro della solidarieta' sociale ha prospettato, verrebbe cancellato quel collegamento tra permesso di soggiorno e contratto di lavoro che e' uno dei cardini delle politiche europee sull'immigrazione. Di piu': se come propone Ferrero si puo' entrare clandestinamente in Italia, si puo' "iniziare" a lavorare in nero e si puo' essere regolarizzati previa autodenuncia, l'Italia e' destinata anche in presenza di leggi piu' rigorose in via di adozione da paesi confinanti (come la Francia) a tornare ad essere, come lo era all'epoca del primo Governo Prodi, il ventre molle del Mediterraneo".

Calderoli, invece, ha detto in proposito: ""Gli annunci fatti dal neo ministro della Solidarietà sociale, Paolo Ferrero, sul delicato tema dell'immigrazione, sono stati accolti come una manna dal cielo da parte di chi attendeva, sull'altra riva del Mediterraneo, di poter partire. Annunci di chiusura dei Cpt, di abrogazione della legge Bossi-Fini e di porte aperte per tutti stanno scatenando un'invasione...".

Un tempo si diceva "Porte aperte per chi porta".

Da domani dovremmo dire: "Porte aperte per chi parte... verso l'Italia!".


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


0 commenti:


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.