Related Posts with Thumbnails

14 maggio 2006

Juventus: macchè scudetto, dategli l' OSCAR !


Finalmente il campionato 2005-06 è finito. La Juventus oggi avrebbe vinto il suo 29° scudetto.
Uso il condizionale perchè al momento il titolo è sub judice, in attesa che la giustizia prende le sue decisioni.
Io però intanto un premio alla squadra bianconera voglio darlo:
la statuetta dell' OSCAR come migliori attori.

Non posso credere che quei sorrisi, quei salti, quelle urla di gioia a fine partita siano sinceri.
Personalmente, fossi stato uno dei giocatori della Juve, non avrei avuto la forza di esultare.
Avrei sì vinto la partita, ma poi me ne sarei andato, in attesa che qualcuno faccia chiarezza.
E' stata una scena altamente patetica.

Ma dieci minuti più tardi mi sono dovuto ricredere: niente Oscar ai giocatori, c'è qualcuno che se lo merita molto più di loro.
Presentandosi con un colorito in faccia verde rame, voce da condannato a morte, Luciano Moggi ha dichiarato ai microfoni:

"Vi chiederei una cortesia di non rivolgermi domande. Anche perché non ho più la voglia, la forza. Non ho più l'anima. Me l'hanno uccisa"

Caro Moggi, te l'hanno uccisa? E noi tifosi cosa dovremmo dire? Adesso magari sei tu la vittima?
A me sembra che sia stato ucciso lo spirito del calcio, uno sport che si basa sulla lealtà sportiva, e che chiunque si sia fatto un'idea, leggendo gli stralci delle intercettazioni telefoniche riportate dai giornali, dello schifo che si è creato intorno al mondo miliardario del pallone.

A questo punto mi auguro solo una cosa: se la Juventus dovesse essere condannata (cosa che appare assai probabile), vorrei che la famiglia Agnelli (e magari anche gli stessi giocatori) chiedano un maxi risarcimento a chi ha sbagliato e li ha privati delle loro vittorie.

E speriamo di poter ripartire il prossimo anno con un calcio finalmente PULITO.


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


2 commenti:

Gianmaria ha detto...
 

Bè guarda io sono tifoso Juventino e ieri non ho festeggiato xchè ormai fanno di tutto pur di delegittimarci..
Con questo voglio dire che i giocatori hanno fatto bene a festeggiare xchè cmq hanno fatto una gran stagione. Smettiamola di dire che i torti o i favori arbitrali in questi ultimi due anni ci abbiano favorito. Complessivamente si sono equilibrati, poi ovviamente x quanto riguarda la statistica da te riportata ne prendo atto e condivido il pensiero. Vorrei anche ricordare però che non è solo la Juve inquisita e che anche avvenimenti degli anni passati che rigurdavano Roma e Lazio sono stati trattati in maniera molto diversa....la prima non si sa come si sia sistemata i conti....la seconda addirittura ha beneficiato di una apposita legge vergognosa x spalmare i debiti.
Inoltre, stranamente il caso è scoppiato tutto in una volta come mai?I magistrati di Napoli indagano da 2 anni su Moggi ma fino alla scorsa settimana non se ne sapeva nulla. Inoltre le intercettazioni pubblicate fanno parte di un'indagine archiviata dalla giustizia ordinaria.Non sono stati rilevati illeciti.!!!Quindi prima di emettere sentenze si abbia la correttezza di aspettare l'esito delle indagini. E in ogni caso se retrocediamo in B, lo si accetta...ma che non sia solo la Juve a pagare in un sistema che era a tutti noto...ed inoltre è stata l'unica processata per doping, dove guardacaso il doping esiste nel calcio sin dagli anni 60 ed era praticato da quasi tutte le squadre.
Leggetevi pure i libri di Carlo Petrini, ex calciatore...e fatevi un'idea di quello che c'è dietro...io credo solo che se Moggi esce dal giro ce ne sarà un'altro che prende il suo posto...e non sarà della Juve.
Ciao Gianmaria

Anonimo ha detto...
  Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.