Related Posts with Thumbnails

9 maggio 2006

Legalizzare la prostituzione in Italia - Vantaggi per tutti!


Ieri sera a "Le Iene" hanno fatto vedere un servizio su come la Germania si stia preparando a soddisfare le voglie sessuali delle migliaia di tifosi che arriveranno in occasione dei prossimi Mondiali di calcio.

Infatti in questa nazione da alcuni anni la prostituzione è stata legalizzata dallo Stato; conseguentemente sono sorti moltissimi locali dove ci si può prostituire e dove si può appagare i propri desideri.
Il tutto va avanti attraverso semplici ma rigide regole, dei tariffari espliciti ed esaustivi e una certa autonomia individuale alla prostitute.
Alla fine, tutti ne guadagnano.


E in Italia? Siamo indietro anni luce!
Da anni sostengo che la riapertura delle cosiddette "case chiuse" o "bordelli" sarebbe una mossa azzeccata.

I numeri della prostituzione in Italia sono sconvolgenti e non meritano molti commenti. Ecco come li ha riportati nel 2002 un settimanale: "70 mila le persone che si prostituiscono in Italia. Il 94 per cento sono donne, il 5,2 per cento transessuali, lo 0,8 per cento travestiti. Il 65 per cento lavora in strada, il 30 per cento in albergo, il 5 per cento in casa. Il 20 per cento del totale è minorenne. 20-25 mila le prostitute straniere che operano in Italia. La maggior parte proviene dalla Nigeria. Ma ci sono anche molte albanesi, polacche e bielorusse. Il 10 per cento delle lucciole immigrate è schiavizzato e in mano al racket. 50 euro la tariffa di una prostituta che esercita per strada. 750 euro il costo di una serata con una accompagnatrice di alto bordo. 90 milioni di euro il giro d'affari mensile della prostituzione in Italia. 5 mila euro la rendita media mensile di una prostituta anche se lavora solo tre sere a settimana. 4.600 le giovani prostitute straniere espulse dall'Italia nel 2001 (nel 2000 erano state 1.300). Di queste, 2 mila erano albanesi, 600 romene e 600 nigeriane. 3 milioni la stima degli italiani che ha rapporti sessuali a pagamento con minorenni straniere. Il totale dei clienti sarebbe di 9 milioni. Il 43 per cento chiede di non usare il profilattico. Il 3,8 per cento ha meno di 18 anni, il 21,4 per cento ha un'età compresa tra i 19 e i 25 anni".


Legalizzare la prostituzione porterebbe innumerevoli vantaggi. Ne cito alcuni:

1) Diminuzione della trasmissione di malattie sessuali
2) Diminuzione della presenza lungo le strade delle prostitute
3) Diminuzione dello sfruttamento sessuale e del racket

4) Nuove entrate finanziarie per lo Stato Italiano

5) Aumento dell'occupazione


A fronte di tutti questi vantaggi, non riesco a vedere i lati negativi di una simile proposta.
La solita demagogia porterebbe a dire che lo Stato sfrutta la prostituzione per arricchirsi… ma considerato che stiamo parlando del mestiere più antico del mondo, non vedo che male ci sia a trarre dei benefici (per tutti) da usi e costumi radicati nella società che non moriranno mai.


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


11 commenti:

Anonimo ha detto...
 

QUALCUNO MI DICA COME FARE PER FARE APPARIRE TUTTO LEGALE ED IO VI GIURO CHE APRO UNA "CASA DELL'AMORE" COSI' BELLA CHE CI VERRANNO TUTTI!!! HO GIA' IL PROGETTO E TUTTO QUELLO CHE MI SERVE, MI BASTA SOLO SAPERE COME FARE PER NON CORRERE RISCHI CON LA LEGGE. CHIUNQUE ABBIA CONSIGLI O SOLUZIONI MI SCRIVA QUI:
davilangel@alice.it

Anonimo ha detto...
 

LA PROSTITUZIONE LEGALIZZATA PORTERA' SEMPRE ALTRI DANNI ALLE DONNE.... IN QUANTO UNA CASA CHE AVRA' CLIENTELA SPECIALE...FISSA E BEN PAGANTE, GLI VERRANNO DATE IN "OFFERTA" COSE SPECIALI TIPO UNA VERGINELLA...UNA RAGAZZINA....O MAGARI LA POSSIBILITA' DI PICCHIARLE, COME GIA SUCCEDE .... BISOGNEREBBE INVECE CHE VENISSERO PUNITI I CLIENTI, CON FOTO PUBBLICHE E UNA VOLTA CHE SI SA CHE SI FINISCE SUL GIORNALE E CI SI ROVINA LA REPUTAZIONE O LA FAMIGLIA, CI SI PENSA DUE VOLTE....
UN UOMO CHE NON SA CONQUISTARE UNA DONNA NON DEVE CADERE COSI IN BASSO DA FALLITO...
E UNA DONNA SE BEN CORTEGGIATA DEVE ESSER DIVERSA DALLE STRONZE DI OGGI CHE VEDONO GLI UOMINI GIUSTI SOLO QUELLI PIU STUPIDI O STRONZI O VIOLENTI....
DONNA...SVEGLIATI ALTRIMENTI RIMANI ZITELLA FINO A 99 ANNI!!!
UOMO SVEGLIATI... CORTEGGIA E FAI VEDER CHE ESISTE IL CUORE OLTRE AL PENE...VEDRAI CHE DOPO IL SESSO NON MANCA!

Anonimo ha detto...
 

E COMUNQUE....QUELLE CHE VOGLIONO FARLO PERCHE' GLI PIACE IL SESSO...LO FANNO ORA LO FARANNO SEMPRE E NON VEDO NESSUN MOTIVO PER CUI VOGLIANO METTERSI A PAGARE LE TASSE....
IL VOLER APRIRE UNA CASA DELL'AMORE E' SOLO PER GUADAGNARE CON LE RAGAZZE DELL'EST O ALTRE POVERE SCHIAVE....
IO PERSONALMENTE AVESSI DEI SOLDI, MI PORTEREI VIA UNA DI QUESTI ANGELI DALLA STRADA....MA NON PER FARLA BATTERE.....MA PER DARLE UN LAVORO DIGNITOSO....E SE FOSSE UN DOLCE ANGELO...LO VORREI TENER A MIO FIANCO...PER SEMPRE....
QUESTA COSA DELLA SCHIVITU DEL SESSO SU STRADA DEVE FINIRE E NON FINISCE CON LA LEGALIZZAZIONE....E' SOLO UN ENTRATA PER LO STATO, UN "NON CI PENSO" PER IL CLIENTE....MA SEMPRE UNA VITA DA PUTTANA PER UNA POVERA RAGAZZA CHE VIEN SFRUTTATA DA SCHIAVA!!!!

Anonimo ha detto...
 

Sono anni che lo Stato italiano propone la cosiddetta legalizzazione della prostituzione. Ma cosa significa legalizzare la prostituzione? La prostituzione non e' un reato nel nostro ordinamento giuridico. Se si fara' allora sara' una legalizzazione all'italiana. Conosco qualche ragazza di strada (cosi' si definiscono le prostitute stradali che non ho mai sentito autodefinirsi prostitute!)che attende la legalizzazione, perche' secondo lei, cosi' otterra' anche un visto sul proprio passaporto ed una specie di regolarizzazione della proprio posizione, quasi un permesso di soggiorno o comunque la possibilita' di uscire dall'Italia ed eventualmente di rientrarci senza incorrere ad alcuna sanzione. Cosi' ci troveremo in una situazione paradossale dove chi fa un lavoro normale e clandestino rimane clandestino mentre chi fa la prostituta e clandestina diventa tutelata.
Inoltre ho verificato, almeno nella mia zona, che la prostituzione stradale e' quasi sempre volontaria per necessita' o per scelta di sistemarsi la vita in poco tempo. Addirittura mi sembra che alcune prostitute stradali provengano da famiglie con un buon livello di vita. E sinceramente io ho invidia delle ragazze di strada, quelle belle, intelligenti, determinate, oneste e che sanno fare bene sia il sesso che l'amore (sono una piccola parte ma ce ne sono!) che in pochi mesi od in pochi anni si sistemano la vita con relativa poca fatica mentre noi, maschi, ci facciamo un culo grande come una casa per un tozzo di pane! Viva le femmine! Viva il Vagina Power! Scrivetemi pure a pavesini@yahoo.com

Anonimo ha detto...
 

Beh .. per esempio il primo aspetto negativo sarebbe quello di quale messagio proprone lo Stato come educatore,il punto è cambiare la mentalità!!lo so che è difficile!! ma qualsiasi cosa fai hai contro-reazione!!

Anonimo ha detto...
 

parliamo di prostituzione e legge
carfagna, visto ke nn e kiaro ma secondo voi le lucciole
ke lavorano in casa commettono reato? e i clienti
commettono reato???
ipotesi e il cliente effettua una telefonata e viene intercettata, la macchina videoregistrata sotto casa della lucciola ma all' interno della macchina ce solo il cliente che succede????

Anonimo ha detto...
 

la prostituzione è causata anke dal fatto ke in italia la maggior parte della gente non è LIBERA sessualmente, certe cose non si fanno e se si voglio fare si fanno con la prostituta, xkè se si fanno con la propia compagnia questa in automatico diventa Puttana

è questa la mentalità dell'italiano medio

Anonimo ha detto...
 

l'uomo e' vittima del femminismo delle donne-
una donna quando vuole scoparsi qualcuno ce la fa sempre-
un uomo no-
e' giusto portare un po di parita'-
un uomo quando vuole uan donna,DEVE POTER AVERE UNA DONNA-
COME,QUANDO,QUANTO VUOLE-
LOTTIAMO CONTRO IL FEMMINISMO CHE SOTTOMETTE GLI UOMINI-
SI ALLA PROSTITUZIONE LEGALE E CONTROLLATA-
PERCHE' BISOGNA SBORRARE DI PIU-

Francesco SS ha detto...
 

Meno male che chi dice stronzate, rimane "anonimo" . Adesso si prevedono crudeltà in nome della concorrenza, come se le case chiuse non fossero super controllate in caso di approvazione della legge. Quindi i ristoranti per farsi concorrenza potrebbero darci da mangiare arrosto di Koala... chiudiamoli tutti.
Basta con queste ipocrisie. Liberiamoci dalla influenza nefasta della Chiesa e abroghiamo la legge Merlin. le prostitute, cara anonima hanno anche una importantissima funzione sociale...quella di far sfogare quel 25/30 % di uomini, di aspetto veramente sgradevole, che mai troveranno una donna disposta a prenderli in considerazione, evitando che si trasformino in mine vaganti per l'universo femminile. Basta con le balle. le prostitute sfruttate sono poco più del 10 % del totale (questo lo sapeva anche don Benzi, ma aveva tutto l'interesse a gonfiare le cifre) e possono essere liberate SOLO CON LA LEGALIZZAZIONE. Viva il sesso ludico. Viva lo Stato laico

Anonimo ha detto...
 

no scusate ma stiamo scherzando? nn ce piu religione !!!!la prostituzione è assolutamente una cosa negativa!!ed è ancora piu negativo legalizzarla..la donna nn ha più una dignità se solo per piacere si mette a fare la prostituta!quindi indipendentemente dal fatto ke la prostituzione continuerà ad esserci nn deve essere legalizzata..si rovinerebbe ulteriormente la figura della donna

Anonimo ha detto...
 

la figura della donna si rovinerebbe? ma non facciamo di tutta un erba un fascio. Siamo esseri umani liberi, se una sceglie per voglia o necessità di prostituirsi è una scelta libera. Secondo te è meglio andare a vuotare vasche di merda 10 ore al giorno o darla a qualche sfigato per qualche anno della tua vita e sistemartela sta vita? Ecco tutto ciò accade ed accadrà sempre sotto i nostri occhi solo che se è legalizzato almeno avranno versato per la pensione e la sanità e non mangeranno dal mio/nostro cumulo. Trovo ipocrisia in certi commenti o mancanza di contatto con la realtà. Le previsioni di gettito fiscale secondo me sono anche sotto stimate, se vai all'estero dove ci sono certi quartieri tutti parlano italiano... Non nei musei, nei luoghi di interesse naturalistico ma dove c'è gnocca c'è l'italiano e in quantità massiccia. Sono soldi che vanno all'estero. Rimanere così vuol dire lasciare il monopolio alla criminalità organizzata che poi reinveste in droga ed armi. Non è meglio che queste entrate le gestisca lo stato cioè noi per fare cose giuste? d'altronde lo STATO gestisce i tabacchi lascia libera scelta di suicidio non trovate che questo non sia peggio di erogare un servizio che non fà del male a nessuno=? A chi fa male ? a chi? Trovate una ragione contro questa cosa che non sia la morale. Neanche chiedere il pizzo è morale, nemmeno chiedere interessi alti è morale, imbrogliare sui prezzi ecc...per favore smettiamola di nasconderci dietro ad un dito e facciamo partire questa cosa, avrà risvolti economici inimmaginabili, pensate ad edifici che verranno ristrutturati per questo, arredamenti, dottori per visite periodiche, farmacie ecc tutti ne godranno, e le casse dello stato ringraziano, i clienti non dovranno recarsi all'estero o farlo con prostitute ammalate.


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.