Related Posts with Thumbnails

8 giugno 2006

Più "buffoni" per tutti !


La quinta sezione penale della Suprema Corte ha annullato la condanna inflitta dal giudice di pace di Milano a Piero Ricca, l'uomo che gridò "buffone" all'allora premier Berlusconi. L'ingiuria, in questo caso, è stata ritenuta dalla Cassazione una utile "critica sociale", in sostanza un invito a rispettare le leggi. Piero Ricca venne allora multato di 500 euro.

Era successo nei corridoi del Palazzo di Giustizia di Milano, il 4 maggio 2003, durante un'udienza del processo Sme. Piero Ricca, figlio di un magistrato, attese il premier fuori dall'aula e poi gli urlò: "Fatti processare, buffone! Rispetta la legge o farai la fine di Ceaucescu e di don Rodrigo...". La frase, secondo la Cassazione, ebbe una "utilità sociale intesa come interesse della collettività alla manifestazione del pensiero" su temi cruciali della vita pubblica.

La suprema corte ha stabilito che la frase di Ricca è una "critica" partendo dal fatto che l'epiteto "buffone" è stato seguito da espressioni "che suonano come forte riprovazione della condotta tenuta dal querelante come homo publicus". "L'esortazione pressante 'fatti processare, rispetta la legge' - spiega la Cassazione - sono una vibrata ed accorata censura, istintivamente suscitata dalla presenza del personaggio che a tante polemiche e contrasti aveva dato origine".

In conclusione dicono i giudici, "non si è trattato di gratuita aggressione alla persona del querelante, ma di forte critica, speculare per intensità al livello di dissenso originato nell'ambito politico e nell'opinione pubblica dalla delicatezza dei problemi posti ed affrontati dalla parte offesa".

A questo punto tutti noi saremmo legittimati la prossima volta a dire:
- a Romano Prodi: "Buffone, prendi una dozzina di caffè prima di parlare!"
- a Luxuria: "Buffone/a, ma quanto rossetto ti sei messo/a oggi?"

e via discorrendo... o la legge non è uguale per tutti?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


3 commenti:

Innovator ha detto...
 

La Legge non è uguale per tutti.

Anonimo ha detto...
 

Uno dei blog più sempliciotti della blogsfera, auguri :)

Riccardo ha detto...
 

Non siamo tutti profondi come te purtroppo! :)


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.