Related Posts with Thumbnails

13 settembre 2006

Democracy, internet-tv open source


Tratto da Punto-Informatico.it:

La Partecipatory Culture Foundation, un ente non profit che ha l'obiettivo di rivoluzionare la fruizione online dei contenuti multimediali autoprodotti, ha presentato la versione 0.9 del celebre Democracy Player. La piattaforma open source per la TV via Internet è adesso disponibile in oltre 30 idiomi e supporta la lettura di animazioni in formato Macromedia Flash.

Democracy Player, che gli entusiasti chiamano più semplicemente Democracy, permette a chiunque di aggregare e diffondere produzioni audiovisive, registrazioni o animazioni digitali. Basato su VLC Player, Democracy sfrutta le tecnologie BitTorrent e RSS per dar vita ad una comunità virtuale dotata di tutti gli strumenti per il broadcast many-to-many.

L'uso di BitTorrent permette di ridurre l'impiego delle risorse di rete, mentre attraverso RSS gli utenti possono creare video podcast personali ed inserirli all'interno della grande "guida televisiva" di Democracy: un'interfaccia gradevole per effettuare ricerche tra tutti i video condivisi dai membri della comunità Videobomb. Il sistema di ricerca interno si basa su tag testuali, in maniera simile a YouTube.

Il software, secondo Cory Doctorow di BoingBoing, avrebbe tutte le caratteristiche per scalare la vetta del successo: "Democracy Player 0.9 è l'ultima fermata verso una versione 1.0, che sarà veramente eccezionale", scrive Doctorow, membro del consiglio amministrativo della Partecipatory Culture Foundation. "Finalmente non bisogna essere degli smanettoni per utilizzare e contribuire ad un medium televisivo partecipativo", ha concluso il giovane scrittore di fantascienza.

L'intero pacchetto, comprensivo di tutti gli strumenti necessari a far parte della "rivoluzione mediale" auspicata da Doctorow, è disponibile per tutte le piattaforme più diffuse: Windows XP, MacOSX e Linux. Distribuito con licenza GPL, Democracy è sviluppato da volontari.

Attraverso Democracy è possibile accedere a circa 600 canali gratuiti: dalla controinformazione ai cortometraggi prodotti da registi indipendenti. La "scena" IPTV internazionale comincia a decollare. Nel frattempo la controparte europea dell'americanissimo Democracy, Tribler, è arrivato alla versione 3.5. Purtroppo, il progetto olandese non gode della stessa popolarità di Democracy ed è ancora poco diffuso.


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


0 commenti:


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.