Related Posts with Thumbnails

26 luglio 2007

Aumentate la detrazione per i mutui prima casa !


In questi giorni si parla tanto di riduzione delle tasse e dell' Ici, di agevolazioni sugli affitti e di assegni per i figli a carico, il tutto a partire dal 2008.
In tutto questo vortice di promesse, non ho mai, dico mai, sentito parlare qualcuno di aumento della detraibilità degli interessi passivi sui mutui.
Per chi non lo sapesse, il fisco italiano permette di detrarre dalla dichiarazione dei redditi una percentuale degli interessi passivi:

Chi stipula un mutuo per l'acquisto di un'abitazione, ha la possibilità di godere di uno sconto dalle imposte sui redditi, per tutto il periodo in cui versa le rate del mutuo. Il risparmio è pari al 19% degli interessi pagati sul mutuo nonché degli altri oneri che si versano. Il tetto su cui applicare la detrazione (non aggiornato da anni all'inflazione) è abbastanza basso: 3.615,2 euro (il risparmio quindi è al massimo di 686,89 euro annui). Le condizioni Il mutuo deve essere garantito da un'ipoteca (un comune prestito personale non gode dell'agevolazione). Dev'essere destinato all'acquisto del l'abitazione principale, del contribuente o solo dei suoi familiari (la moglie separata, ma non divorziata, che ha avuto in assegnazione la casa dal giudice è un "familiare"). Il contribuente che gode della detrazione deve essere proprietario della casa, oltre che intestatario del mutuo. Il limite di 3.615,20 euro vale per l'intero immobile: non è possibile innalzarlo al doppio se, ad esempio, contestatari del mutuo sono moglie e marito in comunione di beni. Quanto ai tempi conta la data di stipulazione del mutuo: l'immobile deve essere stato abitazione principale fino a 12 mesi prima o esserlo diventato non oltre 12 mesi dopo.

Quindi alla fine possiamo risparmiare non più di 686,89 euro all'anno, una cifra veramente bassa, soprattutto se consideriamo che questi limiti sono stati introdotti con la Finanziaria del 2001.
Peccato che nessuno si sia accorto che in 5 anni (dal 2001 al 2006) il costo delle case sia aumentato in Italia mediamente del 72%.

Non sarebbe il caso, cari politici italiani, di rivedere al rialzo questo limite di 3.615,20 euro, visto che ormai sono milioni le famiglie con un mutuo per la prima casa sulle spalle e che queste rappresentano il futuro del nostro paese?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


2 commenti:

Twisterforever ha detto...
 

Ciao, con la nuova finanziaria hanno appena innalzato la soglia a 4000 Euro, ma se avessero dovuto recuperare il perso dal 2001 ad oggi avrebbero dovuto portarla almeno a 20.000!!!

Riccardo ha detto...
 

Twisterforever, sante parole!
E' un contentino patetico, ma sempre meglio di un cazzotto in un occhio...

Ciao,
Riccardo


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.