27 novembre 2007

Lo spot svizzero anti immigrazione - Video


Fa discutere l' iniziativa del governo svizzero di mandare in onda, durante l'intervallo della partita Svizzera-Nigeria, uno spot per scoraggiare l'immigrazione nel paese elvetico da parte di cittadini africani. La scena si svolge più o meno così:

Un immigrato di colore telefona al padre da una cabina telefonica e gli racconta di com'è bella e civile la Confederazione elvetica: in realtà vive sulla strada, s'arrangia con l'elemosina, ed è perseguitato dalla polizia.

Una campagna anti-stranieri, per scoraggiare l'arrivo di altri cittadini africani, con un messaggio che non potrebbe essere più esplicito: non venite da noi, non c'è lavoro per tutti, finireste nel girone degli ultimi.
A confezionare l'annuncio è stato il dipartimento dell'emigrazione, il cui responsabile, Eduard Gnesa, ha dichiarato al Sonntags Blick, il quotidiano popolare di Zurigo che ha svelato il caso: "Abbiamo la responsabilità di aprire gli occhi a queste persone affinché si rendano conto della vita che potrebbe attenderle".

Ecco il video incriminato:





Non posso che essere d'accordo con questa decisione: troppe volte, infatti, gli immigrati giungono in certi paesi (specialmente qua da noi) con delle aspettative troppo superiori rispetto a quella che si rivela poi la cruda realtà.
A questo punto mi auguro un video analogo creato dal governo italiano ed indirizzato a quei paesi da cui proviene la gran parte dei clandestini presenti in Italia.
So che ciò non avverrà mai e che continueremo, purtroppo, ad essere il "paradiso" degli extracomunitari (e comunitari) irregolari, alla faccia degli italiani onesti!


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


7 commenti:

Italo ha detto...
 

Finché ci saranno i Bertinotti, i Diliberto (!), i Rizzo e via elencando, da noi non sarebbe possibile una tale iniziativa per scoraggiare la venuta di altri immigrati.

Riccardo ha detto...
 

Beh, allora che aspettiamo a mandarli a casa? ;)

Ciao,

Individuo impertinente ha detto...
 

Guarda che il video é stato finanziato dall'OIM (organizzazione internazionale per l'immigrazione), dalla Svizzera e anche dall'UE... quindi non preoccupatevi é anche per voi!!!
Un'idea svizzera vincente ;)

Non sono razzista ha detto...
 

Gli immigrato stanno diventando davvero un grosso problema!Poichè non tutti trovano lavoro(diciamo quasi nessuno)essi sono costretti a "tuffarsi"nella delinquenza e in attività fraudolente!Mi dispiace dire questo ma io nel mio paese accetto solo chi dico io...

Destra Nazionale ha detto...
 

Finalmente qualcuno che apprezza il video e che non spara sentenze come in certi blog sinistreschi in cui mi sono imbattuto!
Bravo ;)

Riccardo ha detto...
 

La sinistra riguardo all'immigrazione fa solo demagogia; vorrei sentire le loro risposte di fronte alla proposta di mettersi in casa un immigrato per famiglia, diventerebbero tutti anti-comunisti!

diogene ha detto...
 

un immigrato ospitato in casa di un italiano? ma ci siamo chiesti quanti italiani hanno virtualmente ospitato queste persone ogni volta che si è aperta una nostra azienda nel loro paese? ogni volta che abbiamo sfruttato le loro risorse per il nostro benessere? Siamo cosi intelligenti, lungimiranti e "non razzisti" da essere capaci di pensare alla questione immigrazione solamente quando ci tocca da vicino...avete voluto la bicicletta? adesso pedalate....basta con questi video idioti...nessuno nega ci sia il problema, ma è assolutamente provocatorio e arrogante pretendere di risolverlo semplicemente mandando tutti a casa. Mandiamoli pure a casa, ma che ci si prenda la responsabilità di riportare tutte le aziende e la reperibilità di risorse (vedi Coltan o petrolio) in casa nostra prima di parlare....


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Related Posts with Thumbnails

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.