Related Posts with Thumbnails

21 dicembre 2007

Rambo IV in uscita il 29 Febbraio 2008


Circa 6 mesi fa pubblicai il trailer di Rambo IV, in uscita nelle sale cinematografiche, a quanto sembra, per il 29 febbraio 2008.

Così, a 26 anni dal primo episodio "First Blood" ("Rambo" in Italia) ritorna per la quarta volta sugli schermi l'eroe coraggioso, glaciale ed umano allo stesso tempo, dall' animo nobile, che, insieme all'altro personaggio Rocky Balboa, ha reso celebre Sylverster Stallone in tutto il mondo.

L' ex reduce dal Vietnam questa volta si è ritirato a nord della Thailandia, dove guida un battello sul fiume Salween mentre sul vicino confine con il Burma, Myanmar, si svolge la guerra civile più lunga della storia, il conflitto Birmania-Karenm, che dura da oltre 60 anni.
Rambo ha deciso di non farsi coinvolgere dalla guerra, anche se ogni giorno vede passare dalla sua zona soldati, mercenari e ribelli. Tutto cambia quando un gruppo di missionari attivisti per i diritti umani chiede aiuto proprio a quell'uomo noto nella zona come la guida americana del fiume. Quando i missionari Sarah (Julie Benz) e Michael Bennett (Paul Schulze) gli chiedono di guidarli attraverso il fiume nel profondo Burma, Rambo prima rifiuta ma poi cambia idea. Qualche giorno dopo il pastore Arthur Marsh (Ken Howard) lo cerca con una nuova richiesta d'aiuto: i suoi amici missionari non sono più tornati.

Ecco qua sotto il video con la memorabile scena finale del primo episodio di Rambo: lo sfogo di John con il colonnello Trautman (Richard Crenna) in italiano, magistralmente doppiato dal compianto Ferruccio Amendola:




Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


0 commenti:


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.