9 luglio 2008

Vocabolario del vernacolo fiorentino e del dialetto toscano


Per gli amanti del dialetto toscano e del vernacolo fiorentino, ecco una chicca creata da alcuni ragazzi miei concittadini: si tratta del "Vocabolario (Vohabolario) del vernacolo fiorentino e del dialetto toscano di ieri e di oggi", una raccolta di frasi, parole e modi di dire tipiche degli abitanti di Firenze e dintorni.


Un documento di 80 pagine in formato pdf che sarebbe opportuno tramandare ai posteri, veramente ben fatto e curato.... complimenti agli autori!
Lo potete scaricare cliccando qua sotto:

Vocabolario del vernacolo fiorentino




Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


9 commenti:

andrea red ha detto...
 

boia dè! c'he bel lavoro l'hai tu fatto!

Riccardo ha detto...
 

Grazie Andrea, ma "boia dè" è livornese! :)

E poi il lavoro l'hanno fatto gli autori, il bravo va a loro.

Ciao!

Anonimo ha detto...
 

Complimenti veramente bello, lo stampo e lo porto a dei miei amici di Bari

Anonimo ha detto...
 

Bellissimo, e'ttu rridi anche se t'hai i'nnervoso

Anonimo ha detto...
 

fantastiho davvero...daltronde niente può superare la parlaha fiorentina...!!!! FIRENZE $ EVER!!!!

Anonimo ha detto...
 

Ho appena iniziato a scorrere la A ed ho già visto una cosa che non mi torna.L'AZZANALLA,vocabolo antico,era la parte centrale delle vie cittadine che,sia che fossero lastricate che sterrate, era un po' più bassa delle parti laterali della carreggiata in modo da raccogliere e con-vogliare l'acqua piovana.Se le vie erano sterra-te queste avevano al centro delle pietre piat-te messe a forma di V molto aperta,in modo da raccogliere e convogliare le acque e di impedi-re che quest'ultime,scorrendo,danneggiassero la strada.Questa parte centrale era l'AZZANELLA. Almeno da noi a Saturnia,tanto tempo fa, la intendevamo così.
Saluti,Renato Tanganelli

Anonimo ha detto...
 

Sto facendo delle ricerche sul Decameron e vorrei sapere se nel vernacolo toscano si usa il termine "broda" con connotazione sessuale, vale a dire per indicare il seme dell'uomo. Grazie. Alberto

Riccardo ha detto...
 

Ciao Alberto, il termine "broda", nella sua accezione sessuale, è associato al muco vaginale.

Anonimo ha detto...
 

Buogiorno,

Prima di tutto, scusatemi se faccio qualche errori: l'italiano non è la mia lingua (sono canadese). Cerco il significato della parola «fittaccia», che mi pare ovvio sia dialetto toscano. Cosi si chiamava una villa dove ho abitato nel 1953 a Bivigliano (comune di Vaglia), nei pressi di Firenze. La «Villa La Fittaccia» si trovava giustamente in Via della Fittaccia. Non sono ancora riuscita a trovare qualcuno che me ne sappia spiegare il significato, neanche fra gente del paese. Mi potete aiutare? Grazie.

Marie-José (detta Beppa)


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Related Posts with Thumbnails

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.