2 febbraio 2009

Firenze si gioca il futuro con l' elezione del sindaco


Durante questa primavera del 2009 si svolgeranno le elezioni per la poltrona di sindaco di Firenze.
Dopo 10 interminabili anni di gestione da parte di Leonardo Domenici, c'è bisogno di un deciso cambiamento di rotta, che la faccia uscire da quell'immobilismo e quel degrado che hanno rovinato una delle metropoli più belle del mondo.

Impazza il toto-sindaco, con il centro-destra che ancora non ha presentato il proprio candidato, probabilmente per non bruciarlo prima del tempo o forse perchè non è ancora stato trovato un nome capace di mettere in crisi un elettorato da sempre schierato a sinistra.
Nel centro-sinistra, invece, la scelta del candidato passerà dalle elezioni primarie, con ben 5 pretendenti in lizza: Lapo Pistelli, Michele Ventura, Matteo Renzi, Daniela Lastri, Eros Cruccolini.
Premesso che non ho mai votato in vita mia a sinistra, francamente spero di cuore che la vittoria finale vada a Matteo Renzi, attuale presidente della Provincia di Firenze.

Sarà la sua età, 34 anni, sarà che tra i cinque è forse quello con idee più vicine al centro-destra, sarà che bisogna dare un segnale forte ad una città vecchia dentro, con proposte nuove ed al passo con i tempi.
Ho letto il programma di Matteo Renzi e mi piace. Ha presentato una lista di cose da fare chiamata "Firenze al 100x100", ovvero i primi centro provvedimenti da prendere nei primi 100 giorni. Ve ne elenco alcuni, tra quelli che mi hanno colpito maggiormente:

  • Pronti? Via! Trenta dipendenti pubblici selezionati con bando si muoveranno quotidianamente nei vari quartieri per segnalare piccoli interventi (buche, scritte sui muri) e per garantire una risposta entro 48 ore da parte dell'Amministrazione.
  • Una nuova stagione di responsabilità. Chi sbaglia un'opera pubblica deve pagare. L'Amministrazione si costituirà parte civile in tutti i procedimenti giudiziari.
  • Niente alibi per chi sporca. Raddoppieremo nei primi cento giorni cestini, posacenere e bagni pubblici.Un gesto di rispetto.
  • Eliminazione del parcheggio a pagamento presso le strutture ospedaliere. La città deve promuovere un gesto di rispetto verso i malati e le persone che li vanno a trovare. Non chiedere un esoso pedaggio.
  • Semafori intelligenti. Presentazione del progetto di gestione semaforica intelligente sulla base della situazione del traffico. Presentazione del cronoprogramma per sostituire le lampade di semafori e lampioni con LED.
  • Signori, si cambia. Radicale cambiamento delle linee ATAF come proposto dal progetto della Provincia di Firenze attualmente in fase di consultazione coi cittadini. Meno linee lunghe, meno mezzi in strada, più puntualità delle corse.
  • Non c'è da spostare la macchina. Inizio della sperimentazione del lavaggio delle strade senza bisogno di spostare la macchina, sul modello attualmente in vigore a Milano.
  • Stretta la via, larga la Banda. Completamento della copertura di Firenze con la Banda Larga per Internet. Copertura con sistema wireless del Parco delle Cascine e di dieci piazze nei primi cento giorni.
  • Binario Metropolitano. Alla luce del punto 45 predisposizione immediata di concerto con la Regione Toscana di un piano di sfruttamento immediato delle stazioni.
  • Largo ai veri giovani. Presentazione del progetto operativo di azzeramento in due anni delle liste d'attesa degli asili nido. Esplicita previsione dell'utilizzo di strutture attualmente occupate abusivamente per ricavare spazi per asili nido.
  • Le Cascine. Recupero centimetro dopo centimetro del nostro parco più bello del mondo. Sblocco della struttura di gestione del Parco. Intervento sull'Anfiteatro. Atto d'indirizzo sulla messa in sicurezza e sulla riqualificazione. Non saremo credibili su nessun altro progetto sui parchi se prima non ci riprendiamo le Cascine.
  • La sicurezza valore primario. Trasporto pubblico notturno, comandi distaccati in tutte le periferie sul modello di Brozzi, presenza di iniziative e associazioni nelle piazze e per le strade.
  • Il migliore amico dell'uomo. L'uomo sia amico del cane. Sì a un canile a Firenze, sì ad aree attrezzate per cani. Ma il padrone del cane sia amico di tutti, partendo da bambini e disabili: multe severe per chi non pulisce gli escrementi, rispetto rigoroso degli spazi per bambini.
Speriamo che i fiorentini questa volta vadano a votare con un po' più di cervello o saranno altri 5 anni di guai!


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


1 commenti:

Filo ha detto...
 

Io voterò Renzi anche perchè votare il centro destra a Firenze è come buttare un voto, quindi meglio darlo a chi potrebbe essere "meno peggio".
Renzi sembra in gamba anche se a volte casca nel berlusconismo tipo il sopracitato 100x100


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Related Posts with Thumbnails

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.