Related Posts with Thumbnails

8 aprile 2009

Enrico Brignano: "Le parole che non vi ho detto"


Giovedì sera sono stato a vedere al Teatro Verdi di Firenze lo spettacolo di Enrico Brignano dal titolo "Le parole che non vi ho detto". Sono state due ore e mezzo di puro divertimento, grazie alla sua brillante comicità romanesca che non scade mai nella volgarità e ad un copione che spazia dalla satira di costume ai monologhi sui generi teatrali, fino alle piccole grandi tragedie quotidiane.
Insieme ad Enrico Brignano si alternano sul palcoscenico Simona Samarelli (che interpreta la memoria dell'attore) ed un'orchestra sullo sfondo che accompagna i due artisti negli intermezzi musicali tra uno sketch e l'altro.

Dice Brignano: "Ho 42 anni e una marea di cose da dire. Durante lo spettacolo mi limiterò a raccontare cose mai dette, provando a far ridere la gente con una storia che non esisterebbe senza la musica".
Uno dei pezzi forti della serata è stato lo sketch sulla lingua italiana e sui dialetti del nostro paese, in cui l'attore attraversa idealmente l'Italia da nord a sud modificando l'intercalare in base alla regione in cui si trova. Eccone il video, in quanto fu già proposto mesi fa a Zelig:





Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


5 commenti:

Piera ha detto...
 

Lo spettacolo e fatto di tante canzoni, Brignano non firma autografi...delusione totale.
Grazi e Enrico SEi una star...

Aldo ha detto...
 

ieri ho visto lo spettacolo di Enrico al gran teatro:
In scena una civetta che mostrava le solite chiaooe fondoschiene etc... troppe canzoni...
Un'orchestra prevalentemente nascosta dietro un sipario (umiliante per bravi musicisti quali erano)....
ho buttato praticamente 46.00...Caro Enrico, ti sei montato la testa....

Anonimo ha detto...
 

Enrico e un grandissimo comico!perchè lo si critica!vai enrico sei un straordinario..

Anonimo ha detto...
 

sono un grande fan di Enrico posso dre che sono pochi come lui .....no quei pagliacci che fanno i pupazzi da piangere ! vai alla grande Enrico

Anonimo ha detto...
 

belli miei chi lo critica vorrebbe essere al suo posto.
ammettiamolo è bravo fa ridere anche senza i mezzucci che possono essere la parolacce.
è facile far ridere di dicendo le parolacce sono battute servite lui riesce a far ridere facendo battute di fino, fancendo così arrivare il pubblico alla battuta senza considerarlo come un bambino che ride solo con "cacca pipì"
:)


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.