Related Posts with Thumbnails

19 maggio 2009

Lo stipendio medio netto nei paesi Ocse - Tabella riassuntiva


Stipendi medi in Italia, in Europa e nel mondo, Reddito medio italiani, lo stipendio medio netto nei paesi dell'Ocse nel 2008Ebbene sì: secondo uno studio dell'Ocse relativo all'anno 2008, l'Italia è uno di quei paesi in cui i salari sono più bassi. Infatti noi italiani ci collochiamo solo al 23esimo posto, con uno stipendio medio di 21.374 dollari, circa 16.000 euro (il dato prende in esame un lavoratore sposato con 2 figli a carico).


In pratica, guadagniamo il 17% in meno della media dei 30 paesi Ocse e siamo dietro perfino a nazioni come Grecia, Spagna ed Islanda. Non possiamo nemmeno dar troppo la colpa alla pressione fiscale, in quanto l'Italia, con un cuneo fiscale del 46,5%, si piazza al sesto posto dopo il Belgio (56%), l'Ungheria (54%), la Germania (52%), la Francia (49,3%) e l'Austria (48,8%).

Va sottolineato però come alcuni paesi abbiano una tassazione molto inferiore alla nostra, come ad esempio Gran Bretagna (32,8%), Stati Uniti (30,1%), Portogallo (37,6%) e Spagna (37,8%).
Ecco perché, al netto delle tasse, agli italiani resta in tasca un salario che è il 44% meno di quello di un inglese, il 32% di un irlandese, il 28% meno di un tedesco, il 18% meno di un francese.


L'unica magra consolazione è che, essendoci in Italia un'elevata evasione fiscale, questi dati riferiti al nostro paese siano sottostimati.
Si stima infatti che il lavoro nero rappresenti da noi circa il 17% del Pil (fonte Istat), mentre altri arrivano a 30% (Eurispes). Altri studi dimostrerebbero che mediamente il 7% dello stipendio venga dato "fuori busta".

Ecco qua sotto la tabella riassuntiva con la classifica stilata dall'Ocse sugli stipendi medi:


Posizione Nazione Stipendio medio in dollari
1 Corea 39.931
2 Regno Unito 38.147
3 Svizzera 36.063
4 Lussemburgo 36.035
5 Giappone 34.445
6 Norvegia 33.413
7 Australia 31.726
8 Irlanda 31.337
9 Paesi Bassi 30.796
10 Stati Uniti 30.774
11 Germania 29.570
12 Austria 28.996
13 Svezia 27.581
14 Canada 26.994
15 Grecia 26.512
16 Belgio 26.311
17 Francia 26.010
18 Finlandia 25.911
19 Islanda 25.134
20 Spagna 24.632
21 Danimarca 24.531
22 Nuova Zelanda 23.650
23 ITALIA 21.374
24 Portogallo 19.150
25 Repubblica Ceca 14.540
26 Turchia 13.849
27 Polonia 13.010
28 Rep. Slovacca 11.716
29 Ungheria 10.332
30 Messico 9.716




MEDIA Ocse 25.739

MEDIA Ue-15 27.793

MEDIA Ue-19 24.552


Come si può vedere, la tabella è in linea con quella sullo stipendio medio lordo in Europa.

Ecco qua invece lo stipendio medio netto del 2010 nei paesi Ocse.

Chissà, forse vale davvero la pena scappare dall'Italia.


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


16 commenti:

Anonimo ha detto...
 

CHI MI DA 100 EUR?

Robby ha detto...
 

E' TUTTA COLPA DEI POLITICI ITALIANI. LORO DIVENTANO RICCHI TOGLIENDO AI LAVORATORI E TASSANDOLI SEMPRE DI PIU' SENZA ADEGUARE GLI STIPENDI AI COSTI ATTUALI DELLA VITA. GUERRA CONTRO I VERI NEMICI DEL POPOLO ITALIANO: I POLITICI!

Anonimo ha detto...
 

torneremo al baratto.......

Anonimo ha detto...
 

Impariamo le lingue straniere...

Andrea ha detto...
 

Secondo me il dato è viziato a causa della frode fiscale. In Italia ci sono imprenditori che dichiarano meno dei loro dipendenti e lo stesso si può dire di numerosi liberi professionisti. Lo si evince guardandoci intorno, vedendo le auto che girano, i ristoranti comunque sempre frequentati. Il problema è quello della disparità del reddito tra le diverse fasce. A fronte di pochi che guadagnano molto (e spesso pagano poche tasse) ci sono molti che guadagnano poco (e di tasse volenti o nolenti ne pagano a volte più dei primi).

Riccardo ha detto...
 

Concordo con te Andrea, la situazione in Italia è vergognosa! E la cosa che mi fa più incazzare è che certe persone fanno tutto questo alla luce del sole, sfoggiando i loro beni di lusso nonostante un 730 da morti di fame.

ciao

Anonimo ha detto...
 

bisogna assolutamente parlarne di piu'

Anonimo ha detto...
 

non è la politica il problema...

Anonimo ha detto...
 

Bisogna vedere anche il costo della vita nei paesi con stipendio alto, vedi uk

Anonimo ha detto...
 

paghiamo TROPPE TASSE, io nella busta paga (come molti altri penso) pago il 45% di trattenute!! ma stiamo scherzando? è una vergogna.

Anonimo ha detto...
 

sono Francesca , non sono più tanto giovane ( 54)e penso che tutti ,ma sopratutto i giovani si debbano dare una mossa , altrimenti si troveranno a dover lavorare fino a 67 anni (che diventano con la finestra di 2 anni 69) .La mia generazione ha fatto tante lotte (senza ammazzare nessuno)e siamo pronti a lottare ancora per i nostri diritti.quasi tutto ciò che ha fatto questo governo (e mi dispiace dirlo ,anche i precedenti) non serve a uscire dalla crisi.Servono posti di lavoro " sicuri" per tutti ma sopratutto per i giovani e un aiuto alle piccole imprese . NO AI CENTRI COMMERCIALI CHE FANNO MORIRE IL CENTRO DELLE CITTA'

Anonimo ha detto...
 

concordo con andrea.

Anonimo ha detto...
 

in italia e solo in italia può succere che in tempo di crisi i nostri politici decidano di acquistare 40 nuove lussuose auto blu

Anonimo ha detto...
 

qualunque cosa dicono(Monti&co)siammo peggio della spagna e grecia

s ha detto...
 

In francia, (dove mi reco spesso) se si acquista un auto di valore e il reddito dichiarato non ne è all altezza, la finanza bussa a casa e Pretende una giustificazione plausibile al come si è potuto acquistare il bene, visto il reddito.
Magari fosse cosi anche qui...nella mia citta hanno trovato non pochi "nullatenenti" a reddito zero con mercedes,porche e case e altri beni di lusso, solo perche dichiaravano zero, ma avevano Tanto.

Unknown ha detto...
 

Adesso i neodiplomati, si chiamano stagisti non hanno più uno stipendio ma un rimborso spese.
Aiutoooooooo!!!!!!
P.s. nessun diritto, menomale le la disoccupazione giovanile diminuisce.


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.