Related Posts with Thumbnails

19 giugno 2009

Guadagnare con Diggita ed Adsense


Per chi gestisce un blog, avere una piccola entrata monetaria mensile derivante dalla pubblicità contestuale (Adsense in primis) può essere una bella soddisfazione.

Un altro possibile canale per sfruttare le potenzialità dei propri articoli o post del blog è dato dal social network Diggita.it e dal suo Adsense Revenue Sharing.
In pratica, Diggita riconosce ai blogger una percentuale del 50% sui guadagni derivanti dalla pubblicazione degli articoli all'interno del loro sito, semplicemente indicando, all'atto della registrazione, il proprio codice identificativo di Adsense.

Inoltre Diggita permette ai post una visibilità maggiore e quindi aumentano le possibilità che il tuo sito acquisisca nuovi visitatori e lettori. Insomma, che cosa aspetti ad iscriverti?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


5 commenti:

Giuseppe Nicosia ha detto...
 

Ma in effetti si riesce a guadagnare qualcosa con questo metodo di diggita? Bisognerebbe trovare qualcuno che ha provato e descrive le sue impressioni.

Riccardo ha detto...
 

Beh Giuseppe, posso garantirti che qualcosina si guadagna. Diciamo un ingresso al cinema al mese.

Ciao

social ha detto...
 

Come ci si registra? Io ho due blog ed un solo acount adsense,al momento della registrazione, mi appare subito il blog che non voglio registrare.
http://goccediattualit.blogspot.com

Assicuri blog ha detto...
 

Domanda ignorante ... come fa Diggita a sapere che il blog di cui si postano le notizie è veramente il proprio?

Riccardo ha detto...
 

Non è necessario postare necessariamente articoli del proprio blog, puoi anche attingere da altre fonti.


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.