8 settembre 2009

Quanti pannelli solari per dare energia a tutto il mondo?


In Italia si parla tanto di centrali nucleari come soluzione definitiva ai nostri problemi energetici.
Su questo punto mi trovo in netto contrasto con l'attuale governo: ma come è possibile nel 2009 pensare ancora ad una soluzione del genere?

In USA il presidente Obama sta portando avanti una campagna a favore dell'energia pulita, in Spagna questo tipo di soluzione rappresenta già quasi il 40% del fabbisogno nazionale, tutto il mondo è concorde nell'affermare che dobbiamo dare una svolta verso le nuove tecnologie ad emissioni zero e noi che facciamo? Pensiamo a costruire centrali nucleari, pronte magari tra 10 anni. Roba da pazzi.

Piuttosto, guardate in questa mappa sottostante quanta superficie terrestre sarebbe necessaria per soddisfare tutto il fabbisogno energetico mondiale solamente con dei pannelli solari.
Ebbene sì, solamente i quadratini verdi rappresenterebbero le aree ricoperte da pannelli fotovoltaici. Non sarebbe una cosa meravigliosa?

(cliccate sull'immagine per ingrandirla)




Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


3 commenti:

Prepuzio ha detto...
 

Scandaloso, semplicemente scandaloso. Continuiamo ad avvelenare e avvelenarci col petrolio quando la soluzione è ovvia e tutt'altro che fantascientifica.

Riccardo ha detto...
 

Esatto e quello che mi fa maggiormente rabbia è che sulla carta gli italiani, se volessero, sarebbero i primi al mondo anche in questo campo.

Carletto Darwin ha detto...
 

Eh, erano proprio i primi in particolare sul solare termodinamico. Poi qualcuno caccio a pedate un premio Nobel italiano che ci stava lavorando e che se ne andò all'estero a finire il progetto.


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Related Posts with Thumbnails

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.