29 dicembre 2009

Alternative e concorrenza a Trenitalia


La concorrenza tra imprese è sempre un bene per il consumatore, ma è anche vero che spesso è un danno per le aziende.

Dopo decenni di assoluto monopolio, adesso anche Ferrovie dello Stato, alias Trenitalia, comincia ad avere qualcuno alle spalle da cui guardarsi. In silenzio.


Sono state inaugurate da pochi giorni alcune tratte ferroviarie per collegare il nord Italia (Milano, Bologna, Verona, Trento, Venezia, Udine, ecc) ad Austria e Germania, attraverso le carrozze ed i locomotori della compagnia Austro-Tedesca OBB.

Treni puliti, puntuali, con un ottimo servizio e prezzi allettanti. Ma nessuno ne parla. Come mai?


Per capire come funziona qua da noi la concorrenza, leggetevi bene questo articolo.
Per approfondire l'argomento, ecco un servizio di Repubblica.


· 1 commenti
Read More......

24 dicembre 2009

Il PIL è un vero indicatore di benessere ?


Il 18 Marzo del 1968 Robert Kennedy tenne, presso l'università del Kansas, un discorso nel quale evidenziava, tra le altre cose, l'inadeguatezza del PIL come indicatore del benessere delle nazioni economicamente sviluppate.

Tre mesi dopo venne ucciso durante la sua campagna elettorale che lo avrebbe probabilmente portato a divenire Presidente degli Stati Uniti d'America.


Queste le sue parole, che vi consiglio di leggere con attenzione:

Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni.

Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo.


Il PIL comprende anche l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.


Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.


Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere o l'onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell'equità nei rapporti fra di noi.


Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.


Può dirci tutto sull'America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani.


· 2 commenti
Read More......

23 dicembre 2009

Auto Vs Treno, il costo chilometrico reale


Capita spesso, quando si vuole organizzare un viaggio, di comparare le tariffe del treno con il costo sostenuto per affrontare il medesimo tragitto in automobile.
Questo confronto però non tiene mai conto delle reale costo chilometrico dell'autovettura, ma si limita a mettere sul piatto della bilancia il biglietto del treno da una parte e la somma delle spese per benzina ed autostrada dall'altra.


La macchina, purtroppo, ha dei costi di manutenzione non indifferenti, che fanno lievitare enormemente le spese. Facciamo un esempio e supponiamo di voler andare da Firenze a Roma.

* * * * *
Piccola digressione: per la simulazione, prenderemo un'utilitaria del valore di 16.000 euro che percorrerà nella sua vita 180.000 chilometri in 10 anni, con un consumo medio di 18 km con un litro.
Per coprire questa distanza avremo bisogno di 10.000 litri di carburante, almeno 4 cambi gomma, 8 cambi dell'olio, 4 cambi delle pasticche dei freni, qualche liquido da sostituire, almeno un paio di riparazioni generiche (mi sono tenuto basso) e la revisione periodica.
Ci sono poi i costi fissi di assicurazione e bollo, indipendenti dal chilometraggio percorso.

Se avete voglia di seguirmi nel ragionamento, facciamo un po' di conti:

16.000 euro di costo auto +
12.300 euro di benzina +
800 euro per 4 cambi gomma +
400 euro per 4 cambi pastiglie +
100 euro di liquidi +
400 euro di revisione +
600 euro di riparazioni=
30.600 euro in 10 anni

30.600 euro per percorrere 180.000 Km dà un costo di 0,17 euro al chilometro.

Se a questa cifra aggiungiamo i costi fissi di assicurazione e bollo, stimando la loro somma in 900 euro l'anno (anche qua mi sono tenuto molto basso), raggiungiamo i 39.600 euro in 10 anni.

39.600 euro per percorrere 180.000 Km dà un costo di 0,22 euro al chilometro.

* * * * *

Torniamo ora alla tratta Firenze-Roma. Con il treno il costo è di 59 euro in prima classe e 44 euro in seconda.
Con la macchina sono 284 Km di strada e se calcoliamo la spesa alla vecchia maniera si avrebbe: 284 Km diviso 18 Km/l = 15,7 litri x 1,23 euro (costo carburante al litro) = 19,3 euro + 15 euro di pedaggio = 34,3 euro

Tenendo invece in considerazione tutte le spese sopra citate, possiamo facilmente calcolare che ci occorrono 0,22 euro per 284 Km = 62 euro + 15 euro di pedaggio autostradale = 77 euro


Come vedete, la nuova stima, per quanto approssimativa, è più del doppio di quella precedente.
Con questo discorso non voglio né incentivare l'uso del treno (la cui qualità, almeno in Italia, è molto discutibile) né demonizzare l'automobile (talvolta indispensabile), ma sensibilizzare tutti sui costi reali di una semplicissima utilitaria a cui, in molti casi, si potrebbe tranquillamente rinunciare.


· 5 commenti
Read More......

22 dicembre 2009

Se nel mondo fossimo in 100, come saremmo suddivisi?


Tempo fa Ronald Baird ha riprodotto il mondo in scala, tramutandolo in un piccolo villaggio di cento abitanti.
Nel far ciò ha mantenuto perfettamente statistiche e condizioni reali.
In quel piccolo villaggio saremmo così divisi:
57 asiatici
21 europei
14 americani (intero continente)
8 africani
52 donne
48 uomini
70 non bianchi
30 bianchi
89 eterosessuali
11 omosessuali
70 non cristiani
30 cristiani

6 persone sarebbero proprietarie del 59% di tutta la ricchezza del villaggio (tutti e sei sarebbero degli Stati Uniti)
80 vivrebbero in abitazioni al limite della vivibilità
72 sarebbero analfabeti (e soltanto uno avrebbe condotto a termine gli studi universitari)
1 avrebbe il computer
50 vivrebbero malnutriti e rischierebbero ogni giorno di morire di stenti.
20 non avrebbero acqua potabile

Conclusioni
Chi attualmente ha corrente elettrica, provviste nel frigorifero e qualche vestito nel guardaroba rientra nel 23% dei benestanti.
Chi si alza la mattina in buona salute consideri che oltre un milione di persone lasceranno questo mondo entro la settimana.
Chi non ha fatto esperienze di tortura, prigione, guerra, gravi abusi o minacce, pensi che oltre due miliardi di individui le hanno fatte.
Chi ha un libretto in banca e denaro nel portafogli sappia che rientra nel 11% della popolazione.
Chi può permettersi di spendere soldi per acquisti considerati superflui o per merce non di prima necessità sappia di far parte di quell'8% di fortunatissimi.


· 1 commenti
Read More......

18 dicembre 2009

Lentamente Muore - Martha Medeiros


Lentamente Muore

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco
e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l'incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.

Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o
della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.

Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento
di una splendida felicita'.

Martha Medeiros


· 4 commenti
Read More......

17 dicembre 2009

3 autogoal nella stessa partita - Video


L' autogoal è uno di quegli episodi sfortunati che capitano piuttosto di rado in una partita di calcio, anche se ogni difensore che si rispetti ne ha collezionato almeno uno nella sua carriera.


Quello però che è successo nel match di Bundesliga tra Borussia Mönchen Gladbach ed Hannover 96 ha dell'incredibile: per la cronaca, ha vinto il Borussia per 5-3, ma ben 3 goal su 5 segnati dalla squadra di casa sono delle clamorose autoreti da parte dell'Hannover.

Va bene la sfiga, ma questi se ne approfittano!




· 0 commenti
Read More......

16 dicembre 2009

Alta velocita' e tariffe: quanto vale il nostro tempo?


Quanto vale il nostro tempo? Dipende, verrebbe da dire.
Il valore del tempo varia a seconda delle attività svolte, del ruolo sociale, delle priorità.
Se domani il vostro datore di lavoro vi proponesse di pagarvi 30 euro nette all'ora, cosa rispondereste? Credo che il 95% degli italiani non avrebbe il minimo dubbio ad accettare.


Dico questo perché mi hanno molto colpito le nuove tariffe di Trenitalia per la tanto decantata Alta Velocità.
Tralasciando di parlare del servizio spesso inefficiente (ritardi, sporcizia, ecc.) e di tutti i disastri ambientali nel Mugello creati dai lavori per la realizzazione della linea TAV, voglio soffermarmi sui costi della tratta Firenze-Bologna.


Il percorso in questione adesso viene coperto dai treni Frecciarossa in soli 37 minuti, pagando la salatissima cifra di 24 euro in seconda classe. Se invece decidessimo di prendere un treno Intercity, in un'ora e 2 minuti arriveremmo a destinazione, sborsando 9,50 euro. Insomma, per "soli" 25 minuti di differenza si pagano 14,50 euro in più.

Il nostro tempo oggigiorno vale così tanto?



P.S. Vi consiglio di leggere anche come risparmiare per andare in treno nella riviera romagnola partendo da Firenze.


· 0 commenti
Read More......

15 dicembre 2009

Bancomat clonati e manomessi, come difendersi


Si moltiplicano ogni giorno i casi di clonazione di carte bancomat ai danni di ignari cittadini, i quali, prelevando denaro contante agli sportelli bancomat manomessi, non fanno altro che consegnare inconsapevolmente i loro dati di accesso a delle bande criminali organizzate provenienti, molto spesso, dall'Europa dell'est.


Per non farsi fregare, la Questura di Firenze (e dunque la Polizia di Stato) ha messo in circolazione un video in cui vengono spiegati e smascherati i trucchi più frequentemente utilizzati dai ladri, come ad esempio l'uso di uno skimmer, di una seconda tastiera o di una microtelecamera. Vediamoli in dettaglio:











· 0 commenti
Read More......

14 dicembre 2009

Come trovare domini scaduti o liberi da registrare


Chi, dovendo creare un sito web, si trova di fronte alla scelta del nome da registrare, quasi sempre fa i conti con l'accaparramento selvaggio dei domini avvenuto in questi anni.
Praticamente ogni parola di senso compiuto è già stata presa, spesso anche a fini di lucro, ma è anche vero che giornalmente scadono centinaia di domini, che diventano improvvisamente liberi e disponibili perchè non più rinnovati dai rispettivi proprietari.


Per facilitare la ricerca, consiglio vivamente di utilizzare il servizio fornito da Savespell.com, che permette in pochi secondi di trovare i siti web ed i domini scaduti o non ancora registrati che possono essere acquistati.
Grazie anche ad alcuni filtri, la ricerca è molto veloce e fornisce indicazioni importanti sul dominio, come pagerank, lingua utilizzata, data di scadenza, ecc.

Al momento il migliore strumento che ho trovato per questo genere di attività.


· 2 commenti
Read More......

12 dicembre 2009

Litfiba, il ritorno della storia del rock italiano


La notizia è talmente clamorosa che vale la pena scrivere, anche se è sabato: i Litfiba tornano insieme.
Sto parlando dei veri Litfiba, quelli nati nella mia città, Firenze, agli inizi degli anni '80.


Appena l'ho letta, i brividi mi hanno attraversato tutto il corpo: un pezzo di storia del rock italiano, di cui orgogliosamente ho seguito l'evoluzione tra album e concerti fino al triste scioglimento della band, che ricomincia a suonare sul palco.

Una mossa dettata dai soldi o la rinascita di un nuovo amore artistico tra Piero Pelù e Ghigo Renzulli? Chissà...


Quello che è certo è che sarà una vera impresa trovare i biglietti: al momento ci sono 4 date confermate, ovvero 13 aprile a Milano, poi il 16 a Firenze, il 19 aprile Roma e il 21 ad Acireale, poi forse un tour estivo in Italia ed Europa.

Vi lascio con un pezzo dal vivo che mi ha segnato il cuore, un medley tra due delle mie canzoni preferite, tratta dal tour di El diablo del 1991:




· 0 commenti
Read More......

7 dicembre 2009

Scappare dall' Italia verso altri paesi: Scappo.it


Chi non ha mai sognato, dopo anni passati a fare un lavoro poco soddisfacente, stressante o sottopagato, di mollare tutto e tutti e di scappare verso paesi più o meno esotici in cerca di fortuna?


Se anche voi appartenete a questa folta schiera di persone, fate un salto su Scappo.it, un sito web che raccoglie centinaia di esperienze di coloro che hanno trovato il coraggio di compiere questo passo e di lasciare l'Italia definitivamente.


C'è chi ha trovato l'amore, chi si è inventato un lavoro completamente diverso da prima, chi campa di rendita, chi ha ritrovato la salute e la gioia di vivere, chi ha messo su famiglia e sopratutto chi in Italia non ci metterebbe più piede.


Perchè? Leggetevi un po' di commenti e racconti di queste persone, forse capirete meglio cosa li ha spinti a cambiare vita e quello che hanno trovato in questa nuova avventura; magari riusciranno ad infondere un po' di coraggio anche a voi, che ci state pensando da anni, ma che continuate a rimanere dietro la vostra scrivania e dentro la solita routine quotidiana.

Qua invece potete scoprire dove vivere con 800 euro al mese.


· 4 commenti
Read More......

4 dicembre 2009

Controllo remoto del desktop del pc - Software gratuito


Chi non è proprio alle prime armi, sa che esiste la possibilità di controllare a distanza un pc, magari per una consulenza tecnica su un problema apparentemente irrisolvibile.

Questi software di controllo remoto del computer (Remote Desktop Control) permettono di utilizzare il pc di un altra persona anche trovandosi dall'altra parte del mondo, proprio come se si fosse seduti davanti a quel computer, ma eseguendo in realtà le operazioni da casa propria.


In giro ci sono moltissimi programmi gratuiti o a pagamento, ma uno dei migliori è sicuramente TeamViewer, utilizzabile liberamente per uso privato ed adottato a livello mondiale da società importantissime.

Il software pesa solo 2 Mb, ma è molto potente. Non necessita infatti dei diritti da admin per essere lanciato e riesce a superare facilmente i firewall; grazie alla generazioni random di password, la connessione tra i due computer è protetta e sicura.
Permette inoltre di scambiarsi files, di far visualizzare delle presentazioni e di accedere al computer remoto anche attraverso il browser (previa registrazione). Esiste inoltre anche una versione stand alone da mettere sulla chiavetta usb.


Per capire meglio il funzionamento di TeamViewer e come installarlo, leggetevi anche questo articolo.


· 3 commenti
Read More......

3 dicembre 2009

Recuperare dati da disco rigido o memory card


Recuperare files e dati cancellati o persi da hard disk, disco rigido, penna usb, memory card, scheda di memoria, hd, sdDai creatori di CCleaner e Defraggler, ecco un nuovo software gratuito per il recupero dei dati persi.

Si tratta di Recuva e potrebbe togliervi dai guai nel caso vi capitasse di cancellare per errore dei files importantissimi dal vostro hard disk.
Può tornare utile nel caso di crash improvvisi del sistema che vi hanno fatto perdere dati salvati, oppure nel caso abbiate fatto una formattazione alla scheda di memoria (memory card) della macchina fotografica digitale, della pen drive usb o dell' mp3 player.


Recuva riesce a cercare in tutti i settori apparentemente cancellati e dunque, con un po' di fortuna, sarà possibile recuperare i files perduti.
Infatti, quando si formatta un hard disk o una scheda di memoria, i dati non vengono "fisicamente" eliminati, ma semplicemente non sono più indicizzati. Se non avviene una sovrascrittura con altri files esattamente in quello specifico settore, è probabile che le informazioni siano ancora leggibili.


· 0 commenti
Read More......

2 dicembre 2009

Il Natale 2009 secondo il Vernacoliere


Il Natale è alle porte, ma quest'anno, religiosamente parlando, la storia potrebbe anche cambiare.

Questo almeno è quanto titola l'irriverente Vernacoliere, il famoso giornale satirico di Livorno, che come al solito ne ha per tutti, Gesù compreso:





Qua potete trovare le altre locandine del Vernacoliere.


· 0 commenti
Read More......

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.