Related Posts with Thumbnails

11 gennaio 2010

I 50 anni di Tutto il calcio minuto per minuto


Quest'anno si celebrano i 50 anni dalla nascita di una storica trasmissione radiofonica come "Tutto il calcio minuto per minuto".


Un programma che ha saputo farci sognare ad occhi aperti, molto ma molto di più di quanto accada oggi con la pay tv ed il digitale terrestre. Le voci inconfondibili di Enrico Ameri, Sandro Ciotti, Emanuele Dotto, Alfredo Provenzali, Ezio Luzzi e tutti gli altri colleghi si sono mescolate per anni con i cori ed il brusio dello stadio, facendoci emozionare e compiere gesti scaramantici, salti e urla ad ogni intervento.
Il fascino della radio, pur con tutti i suoi limiti, non potrà mai essere eguagliato dalla televisione.


Ecco uno spezzone audio della trasmissione andata in onda alla prima giornata del campionato 1986/87, condito con le immagini ed i goal dell'epoca. Un calcio di altri tempi, sicuramente meno fisico e più tecnico, che aveva tra i suoi protagonisti personaggi del calibro di Maradona, Dirceu, Liedholm, Bruno Conti, Rummenigge, Antognoni, Scirea, Virdis, solo per citarne alcuni, e che non era composto solo da mercenari in cerca di soldi e donne.
Un calcio che troppo spesso rimpiango con nostalgia, consapevole che non potrà più tornare.




Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


4 commenti:

Massimal ha detto...
 

Vorrei anche far notare che... GLI STADI ERANO PIENI !!! Uscite gente, uscite, uscite di casa, basta con la TV che vi rimbambisce. La partita allo stadio è un'altra cosa, specie quando è pieno.

Anonimo ha detto...
 

I radiocronisti di allora sapevano spiegare in modo tempestivo ed esauriente le azioni di gioco, seppur con un po' di retorica o di ridondanza. I loro successori attuali, generalmente, non hanno quella capacità, e lasciano l'ascoltatore inconsapevole dell'evoluzione reale del gioco, fino a quando siano realizzati dei goal o dei tiri in porta.

Stefano, giornalista.

Anonimo ha detto...
 

Il miglior radiocronista contemporaneo di lingua italiana, a mio parere, è Enrico Carpani. E' eccellente, ma non ha mai lavorato in Italia. E' svizzero.

Riccardo ha detto...
 

Concordo con te Stefano, probabilmente questo è dovuto in parte anche all'involuzione del linguaggio.


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.