16 agosto 2010

Tradurre versioni di Latino


Erano gli anni del liceo tra il 1990 ed il 1995: io e il mio migliore amico eravamo in casa alle prese con l'ultima versione di latino, ovviamente da tradurre per il giorno dopo. Accanto ai nostri astucci, entrambi avevamo il proprio mitico dizionario Italiano-Latino Campanini-Carboni degli anni '60, con le sue pagine ingiallite, rigorosamente appartenuto ai rispettivi genitori e tramandato ai figli qualche decina di anni dopo.


Oggi quello è solo uno sbiadito ricordo: per tradurre una versione di Latino oggi c'è internet, andando all'indirizzo Latin.it.
Gli studenti si sono organizzati talmente bene che tutti gli scritti di Cicerone, Cesare, Livio, Plinio il Vecchio, Ovidio, Virgilio e compagnia cantante sono già stati tradotti e messi a disposizione in rete, per la gioia di chi non gliene importa proprio nulla di imparare la lingua madre di tutte le altre.


Spero che almeno gli studenti abbiano il buon gusto di fare la parafrasi, altrimenti come si giustificano 20 versioni tradotte tutte uguali ?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


0 commenti:


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Related Posts with Thumbnails

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.