Related Posts with Thumbnails

2 gennaio 2012

Come risparmiare sul canone di affitto


Risparmiare sull'affitto, rinegoziare affitto, contratto locazione, abbassare rata, conduttore, locatoreSappiamo tutti che 5-6 anni fa il mercato immobiliare ha toccato il suo apice e che da allora è in corso una costante discesa dei prezzi delle case, con conseguente abbassamento anche dei canoni di locazione, rinforzato inoltre dall’introduzione della cosiddetta “cedolare secca”.
I canoni di affitto di un appartamento sono scesi, anche nelle grandi città, almeno di un 20%, che tradotto in soldoni significa poter risparmiare da 100 a 400 euro al mese, quindi da 1200 euro a 4800 euro l’anno. Idem è accaduto per le locazioni di locali commerciali ed uffici, i cui canoni spesso sono di diverse migliaia di euro.


Solitamente tutti i contratti di affitto hanno una durata imposta per il locatore (per esempio anni 3+2, 4+4, 6+6) ma per quanto riguarda il conduttore il più delle volte si ha soltanto l'obbligo di qualche mese di preavviso (dai 3 ai 6). Dato il periodo di crisi e recessione che stiamo vivendo, chi ritiene di star pagando un affitto troppo oneroso rispetto alle attuali condizioni di mercato, farebbe bene a valutare la rinegoziazione del contratto di locazione, mettendo in pratica questi 4 consigli:

  1. Valutare bene le attuali condizioni di mercato della propria zona. Se l’offerta di abitazioni in affitto supera la domanda, è ovvio che i prezzi sono destinati a scendere e troverete già molti annunci allettanti. Inoltre il proprietario, rischiando di ritrovarsi l’immobile sfitto per qualche mese, preferirà abbassare la rata piuttosto che non percepire canoni per un certo periodo (con il rischio che il prossimo canone mensile con un altro inquilino sia uguale o minore di quello che voi state chiedendo).
  2. Studiare bene il proprio locatore, per capire se preferisca massimizzare i profitti con un alto rischio di insolvenza o se si accontenta di un inquilino che paghi regolarmente e tenga a posto l’immobile. Va capito inoltre quando incida l’affitto sul suo reddito e se per lui questo sia imprescindibile.
  3. Prima di chiedere una rinegoziazione del contratto d’affitto (cosa che andrà fatta con la massima educazione possibile per aumentare le probabilità di successo) sarebbe opportuno individuare possibili alternative da tirar fuori in caso di risposta negativa, in modo da avere anche una maggiore forza contrattuale con il proprietario e dimostrare che si sta facendo sul serio.
  4. Ovviamente conditio sine qua non per ottenere uno sconto sull’affitto è quella di essere sempre stati puntuali nei pagamenti. Voi fareste mai un favore a chi vi paga quando vuole lui?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


0 commenti:


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.