Related Posts with Thumbnails

9 maggio 2012

Crisi economica e suicidi, una bufala dei media?


Numeri e statistiche suicidi Italia 2012, crisi economicaAmmetto di esserci cascato anch'io, ma credo di essere in buona compagnia: in queste ultime settimane i media stanno dando grande risalto ai numerosi suicidi di cittadini italiani, addebitando la colpa principalmente alla crisi economica e all'impossibilità di molte persone di far fronte ai debiti o di mandare avanti la propria azienda.


Dati statistici alla mano, si scopre invece che la verità è un'altra: dal 1 gennaio all'8 maggio 2012 i suicidi riconducibili a motivi economici sono stati 38, pari a 0,29 al giorno (quasi uno ogni tre giorni).
Nell'intero anno 2010, l’Istat ha contato 3.048 suicidi, di cui solo 187 per ragioni economiche, dunque una media di 0,51 al giorno (uno ogni due giorni). Nel 2009, invece, sono stati 198 (media 0,54 al giorno) su 2.986 casi.

Allora perché si parla solo oggi di queste morti? Cosa vogliono ottenere i media enfatizzando queste notizie?
In Germania, dove la crisi non è ancora arrivata, il tasso di suicidi è doppio rispetto all'Italia, in Finlandia, paese con un'alta qualità di vita, addirittura 4 volte tanto.


Il rischio concreto, secondo Claudio Mencacci, direttore del dipartimento di Neuroscienze dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano, è quello dell'emulazione: "Studi epidemiologici internazionali dimostrano con certezza che le notizie dei suicidi da crisi economica, se presentate in modo sensazionalistico, inducono altri suicidi, innescando un pericoloso “effetto domino”. Le persone che compiono questi gesti estremi sono nella grande maggioranza dei casi entrate da tempo nel tunnel della patologia psichica, prevalentemente depressiva, che toglie la possibilità di trovare soluzioni alternative".


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


2 commenti:

Giuseppe ha detto...
 

Concordo pienamente. Ricordate il lancio dei sassi dal cavalcavia?? E' bastato il primo incosciente a far scatenare l'inferno. Sarebbe ora di finirla con queste notizie allarmistiche.
http://www.dirittoplus.it

Fattoide ha detto...
 

Fanno tutto questo per alimentare terrore così si fermano i consumi:è pieno di gente che ha quattrini,ma ora non comprano neppure la casa che è l'investimento di base e soprattutto non si tratta di spesa di lusso ,ma spesa necessaria,mentre comprano 1000 euro di cellulare al figlio undicenne.Dato che la gente,la maggior parte,non capisce nulla,cercano di incultare nelle menti il pessimismo più possibile verso un rgomento.Nel 2003 precisamentre tra luglio e settembre,qualunque Pitbull era diventato pazzo,addirittura alcune famiglie abbando
narono il proprio cane che non aveva mai dato loro un problema,cioè il cane era diventato il male.Potenza del media e soprattutto impotenza del genere umano di fronte al media.
Ho cercato di vedere cosa accade dalle mie parti,già il giovedi sera tutti i locali sono pieni,la gente non si fa mancare nulla,dicono che sono in crisi e poi fanno viaggi all'estero e comprano stronzate,il venerdi,sabato e la domenica discoteche e balere colme...Scrivo della mia zona,ma al nord non mi pare diverso a sentir dire da alcune mie conoscenze.


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.