12 novembre 2012

Come si producono i wurstel


Ammettiamolo, il wurstel è uno di quei cibi dal sapore inconfondibile che più di una volta, sdraiato all'interno di un panino, ci ha felicemente sfamato durante concerti o feste e che non abbiamo disdegnato neppure su una pizza o in mezzo ad una grigliata, magari condito con ketchup, maionese e senape.


Sulla produzione e sugli ingredienti dei wurstel aleggia però da sempre un velo di mistero, che forse sarebbe il caso di squarciare per mostrare a tutti cosa realmente è contenuto all'interno di questo alimento.
Molto spesso, sul retro della confezione, compare la voce "Carne separata meccanicamente": si tratta semplicemente di un termine tecnico con il quale si vuole intendere la spremitura e l'impasto del rimasuglio della carcassa dell'animale da allevamento, che in certi casi arriva a comprendere zoccoli, organi interni, pelle, cotenna, ossa, orecchie, coda, grasso e tendini.


Non va molto meglio per quanto riguarda gli additivi chimici presenti tra gli ingredienti, tra i quali i principali sono:

  • Nitrito di sodio (E250): è un composto chimico altamente tossico per l'ambiente, oltre ad essere uno dei conservanti più utilizzati nell'alimentazione a base di carne; utilizzato prevalentemente per sterilizzare microorganismi annidati nei cadaveri e conservare il più a lungo possibile il prodotto. La controindicazione spiacevole è il possibile insorgere del cancro allo stomaco o al fegato, questo causato dalla reazione con altri composti organici presenti nello stomaco chiamati "ammine".
  • Eritorbato di sodio (E316): prodotto sinteticamente, viene utilizzato per evitare l'irrancidimento del grasso, presente in moltissimi alimenti come marmellate e gelatine di vari genere. Ad oggi non si conoscono ancora gli effetti collaterali.
  • Glutammato monosodico (E 621): si tratta di un additivo utilizzato come esaltatore di sapidità e di sapore. Danni collaterali: Anafilassi (crisi allergica che può portare alla morte) e forte Emicrania.
  • Gomma di guar (E 412): prodotto di origine naturale, viene utilizzato dall'industria alimentare come addensante per salse, gelati, preparati per dolci, alimenti per animali, alimenti a base di carne. Generalmente utilizzata per donare elasticità e morbidezza all'alimento impedendone la disgregazione. Danni collaterali possono presentarsi in seguito a frequenti assunzioni, provocando problemi intestinali.
  • Trifosfati (E451): additivo chimico a base di fosforo. Ingrediente molto utilizzato in campo alimentare, sopratutto nelle bevande gassose come la Cola, come correttore di acidità. Danni collaterali: equipe di medici ne studiano la relazione con gli squilibri di calcio nell'organismo che aumenta il rischio di osteoporosi.
  • Aromi ed Olio di Colza: servono a donargli un gusto astratto, impreciso ed unico, tipico dei wurstel.

Concludo con un video che riprende il processo produttivo dei wurstel, dall'inizio alla fine. Dopo averlo visto e aver letto quanto sopra, avrete ancora voglia di acquistarli ?


Fonte parziale: Presa di coscienza


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


1 commenti:

Anonimo ha detto...
 

La carne fa male, eliminatela e vivrete molto meglio. :)


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Related Posts with Thumbnails

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.