30 gennaio 2013

Come trovare hotel economici


Come e dove trovare hotel economici, siti alberghi low costEra da un po' di tempo che non cercavo un hotel da prenotare in internet e così, volente o nolente,  mi sono messo alla ricerca di un servizio che confrontasse tutte le offerte presenti in rete per farmi scegliere quella a mio parere migliore.
In passato mi ero avvalso dell'aiuto di altri motori di ricerca specifici per alberghi, come Trivago o Kajak, ma è noto che ogni giorno nascono sul web nuovi servizi migliori dei precedenti, capaci di fornirci informazioni sempre più dettagliate.


Premesso questo, per le vostre prossime ricerche di camere libere mi permetto di suggerirvi Hotelium. Questo servizio scandaglia un sacco di siti di prenotazione alberghiere, compresi quelli meno noti dove ogni tanto capitano promozioni da prendere al volo. Ho fatto qualche simulazione ed i risultati sono decisamente migliori dei suoi concorrenti, sia per i prezzi che per le informazioni fornite. Ad esempio, è messo ben in evidenza, dove possibile, se la colazione è inclusa e se la cancellazione è gratuita, il numero di camere rimaste, il voto dei viaggiatori e a quando risale l'ultima prenotazione.


Ottimi anche i filtri di ricerca, grazie ai quali possiamo selezionare numero di stelle, zona, optional e caratteristiche, tipologia di hotel, fascia di prezzo, ed ordinare i risultati per prezzo, distanza, valutazione ospiti ed altro ancora. In tempo di crisi, se volete un sito dove trovare hotel economici per risparmiare sulla prenotazione alberghiera, Hotelium fa per voi.


· 0 commenti
Read More......

24 gennaio 2013

Dove vivere con 800 euro al mese


Dove vivere con 800 euro al mese di pensione nel mondo, Pensionati all'esteroMentre il costo della vita in Italia aumenta in continuazione, le pensioni rimangono ferme al palo e così per gran parte degli ultra sessantenni diventa sempre più difficile condurre una esistenza dignitosa.
Per questo motivo negli ultimi anni stiamo assistendo ad un massiccio esodo di italiani verso mete più o meno esotiche dove una pensione da 800 o 1000 euro al mese permetta di trascorrere una vita tranquilla se non addirittura da gran signori, cosa qua da noi impossibile tranne per chi percepisce una pensione che vada oltre i 3.000 euro al mese.


Ecco dunque un articolo, tratto da Panorama, che elenca nel dettaglio pregi e difetti delle mete estere più in voga tra gli italiani, come Isole Canarie, Tunisia, Thailandia, Santo Domingo, Brasile, Kenya, Costarica, Bali o Capoverde. Per ciascuna destinazione si evidenzia il costo della vita, prezzo medio di acquisto ed affitto di case, costo della benzina, di una cena al ristorante e dell'assicurazione sanitaria.


L'articolo è scaricabile cliccando qua. Curioso che sia stato messo a disposizione dalla rassegna stampa dell'Inps; forse si rendono conto ed in un certo senso ammettono che con certe pensioni vivere in Italia è proprio un'utopia e che solo emigrando è possibile vivere bene con mille euro al mese.


· 4 commenti
Read More......

22 gennaio 2013

Il costo dei prodotti in Germania - Video


In questi ultimi giorni sta spopolando su internet, grazie ad una massiccia condivisione su Facebook, il video di un italiano all'interno di un supermercato in Germania.
Al di là dell'atteggiamento ironico del protagonista, che a molte persone potrebbe risultare anche un po' antipatico, e tralasciando le offese gratuite all'italiano medio con il sedere flaccido, il video indiscutibilmente dimostra come certi luoghi comuni siano da sfatare.


Infatti si è sempre sostenuto che i tedeschi guadagnino quasi il doppio degli italiani ma che i prezzi dei prodotti siano il doppio di quelli praticati in Italia, con conseguente equiparazione del costo della vita.

La realtà è che in Germania gli stipendi netti sono molto più alti che Italia ( ecco alcuni esempi: Maestro elementare: 38.000€, Autista di autobus: 28.000€, Meccanico di automobili: 30.000€, Muratore: 30.000€, Operaio specializzato: 29.000€, Cuoco: 30.000€, Caporeparto: 40.000€, Ingegnere: 45.000€, Bancario: 40.000€, Segretaria: 28.000€, Commessa: 24.000€, Operaio generico: 21.000€) mentre il costo dei prodotti è uguale o minore rispetto a quanto praticato da noi, ergo in Germania la vita costa molto meno.


Chissà se i tedeschi baratterebbero una parte del loro stipendio con le nostre bellezze naturali, la nostra storia e la nostra cultura? Mar Mediterraneo, Dolomiti, laghi, buona cucina, campagna, isole, arte e archeologia sono cose che non hanno prezzo.


· 0 commenti
Read More......

14 gennaio 2013

L' ultimo treno - Elezioni politiche 2013


Mi auguro che tanti elettori decideranno di salire su questo treno a 5 Stelle il 24 e 25 febbraio, dato che tutte le altre locomotive, purtroppo, ci porteranno sul solito binario morto:




· 2 commenti
Read More......

9 gennaio 2013

Come è fatto o Factory Made su DMAX


Tra le centinaia di canali televisivi spuntati nell'etere con l'avvento del digitale terrestre, alcuni meritano una menzione particolare per gli interessanti programmi che trasmettono. Uno di questi è sicuramente DMAX, canale 52 del DTT, che ha nel suo palinsesto la serie "Factory Made", che in precedenza si chiamava "How it's made" o "Come è fatto".


Il programma, ovviamente tradotto in italiano, spiega con immagini e parole, come fosse un documentario, in che modo vengono realizzati nelle fabbriche gli oggetti di uso quotidiano, dal chiodo al cd, dalla borraccia al sassofono, dal wurstel alla carta d'alluminio, dal coltellino svizzero al sapone.
Ogni volta che guardo un episodio, della durata di circa 20 minuti, rimango per tutto il tempo a bocca aperta come un ebete, sbalordito davanti alle tecniche produttive dei singoli articoli e al sapere cosa si muove dietro ad un oggetto apparentemente semplice e dall'utilizzo giornaliero dato ormai per scontato.


Se volete vedervi alcuni episodi, su DMAX trovate la quarta serie di Factory Made, mentre andando su Youtube e digitando Come è fatto vi appariranno decine di altri episodi delle serie precedenti. Buona visione!


· 0 commenti
Read More......

7 gennaio 2013

Autostop online e carpooling con Blablacar


Carpooling, carsharing, autostop online, trovare un passaggioSe è vero che il 2013 sarà peggio del 2012 dal punto di vista economico, sarà necessario organizzarsi ed ottimizzare le spese. Tra quelle che maggiormente impattano sul bilancio familiare, ci sono i trasporti e gli spostamenti, complice il caro benzina, i costi per l'assicurazione e la manutenzione dell'automobile.

In una società sempre più formata da singoli individui isolati, terrorizzata dalla paura del vicino di casa, anche l'autostop e la condivisione dei mezzi di trasporto sono andati morendo, ma per fortuna grazie al web è possibile instaurare nuovi rapporti di fiducia che mirino al risparmio e allo sfruttamento comune dei percorsi che, per diletto o per lavoro, ogni giorno siamo costretti a fare.


Uno di questi servizi è Blablacar, una community dove è possibile offrire o trovare un passaggio in automobile da persone iscritte e di cui sia stata verificata l'identità, onde eliminare eventuali rischi derivanti dall'anonimato.
Come funziona? Se siete in procinto di spostarvi in macchina, potete offrire un passaggio, indicando luoghi di partenza ed arrivo, orari, eventuali tappe intermedie, numero di posti disponibili e fissando un prezzo.
 Al contrario, se cercate un passaggio, inserite nel motore di ricerca da dove volete partire e dove volete arrivare, il giorno e l'orario. Ad esempio, un passaggio Firenze-Roma costa mediamente sui 15 euro, ben al di sotto di questo spendereste con il treno. Ovviamente, dovrete mettervi in contatto preventivamente con l'altra persona per concordare nei dettagli l'appuntamento.


Ciascun utente può inoltre inserire e specificare una serie di parametri personali che identifichino le proprie esigenze in auto, come ad esempio la presenza o meno di animali, il fumo, il livello di chiacchierata, se gradisce la musica, il tipo di vettura, la propria foto e il proprio account Facebook.
Come avviene per Ebay o Tripadvisor, al termine dell'esperienza le persone possono lasciare un feedback (ad esempio "Viaggio e guida molto piacevole, ottima autovettura, persona simpatica e, tra soste e viaggio il tempo è volato.") che sarà molto utile ai futuri passeggeri o guidatori per tracciare un profilo più preciso dell'eventuale compagno di viaggio.
In conclusione, direi che Blablacar è un servizio molto interessante per risparmiare sui viaggi, recuperare le spese, salvaguardare l'ambiente e fare anche nuove conoscenze.


· 0 commenti
Read More......

2 gennaio 2013

Realizzare un calendario personalizzato gratis per il 2014


Fare un calendario con Photoshop 2013 e 2014, costruire un calendario per bambiniVi piacerebbe creare il vostro calendario 2014 personalizzato, in maniera facile e soprattutto gratis?
Volete regalare un calendario con la vostra foto alla persona amata oppure con l'immagine del vostro bambino ai nonni?


In rete esistono molti servizi gratuiti che permettono di realizzare un calendario in maniera professionale senza doversi per forza affidare ad uno studio di grafica, semplicemente usando il proprio computer ed un po' di creatività. Eccone di seguito elencati alcuni:

  • Waseo - software freeware di circa 2 Mb per creare calendari con diversi layout grafici.
  • Bighugelabs.com - Servizio on line per comporre calendari mensili utilizzando foto di Flickr o prelevandole dal proprio hard disk.
  • Photo print calendar - Ottimo programma gratuito per impaginare calendari da muro. Layout anche in italiano e possibilità di evidenziare le festività e di inserire una foto per ogni mese.
  • Jeffrey’s Photoshop Calendar - Per chi se la cava piuttosto bene con Photoshop, esiste un script da installare sul noto programma di grafica della Adobe per realizzare splendidi calendari. Da provare, seguendo il tutorial.

Buon divertimento con la creazione del calendario personalizzato 2014 !!!


· 2 commenti
Read More......

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.