Related Posts with Thumbnails

22 febbraio 2006

Le solite promesse...


Prodi: 2500 euro per ogni figlio

"Sostenere famiglie in difficoltà"

Il Professore sceglie Napoli per annunciare "una nuova stagione delle politiche sociali" con al centro la famiglia. Prodi , candidato premier dell'Unione, dal tir giallo tira fuori la proposta per un assegno di 2.500 euro per ogni bambino da 0 a 3 anni, con l'obiettivo di sostenere tutte le famiglie in difficolta', e un piano nazionale con la realizzazione di 3000 asili nido in tre anni per dare ospitalita' a circa 100 mila bambini.

"Una misura che, successivamente, sarà estesa, "compatibilmente con le esigenze di bilancio", fino alla maggiore eta'. Prodi sottolinea che si tratta di un "intervento strutturale che offre la certezza di un sostegno continuo anche a chi oggi non percepisce nessun aiuto e che sostituisce gli interventi spot e le una tantum adottati dal governo Berlusconi".

*************************************************************

Allora, facciamo 2 conti veloci... ogni anno nascono circa 500.000 bambini in Italia (ad esempio 562.000 nel 2004).
Quindi i bambini tra 0 e 3 anni dovrebbero essere circa 2 milioni. (ci sono 500.000 x 4 intervalli 0-1, 1-2, 2-3, 3-4 non compiuti).
Se vengono dati 2.500 euro ad ognuno, per ciascun anno usciranno 2 milioni x 2.500 euro=5.000.000.000 euro (5 miliardi di euro).

Considerato che la manovra finanziaria del 2004 è stata di 16 miliardi di euro, come può pretendere Prodi di dare quasi un terzo di una manovra finanziaria ai nuovi nati?
Semplice e geniale... aumentando le tasse!

E son tutti uguali.....


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


0 commenti:


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.