Related Posts with Thumbnails

6 maggio 2008

Legalizzare la prostituzione: 5 motivi validi per farlo


In Italia si stima che ci siano tra le 50.000 e le 70.000 prostitute; con l'approvazione della legge Merlin nel 1958, lo sfruttamento sessuale è diventato illegale. Che errore clamoroso!

Il nostro paese ha perso decenni di contributi fiscali per colpa di questi finti moralisti! La prostituzione non è mai morta, si è solamente spostata in mezzo alla strada o in bordelli improvvisati. Legalizzare il mestiere più antico del mondo porterebbe innumerevoli benefici, che voglio provare ad elencare:

- Se venissero ripristinati i casini e vietata la prostituzione per strada, si verrebbero a creare moltissimi nuovi posti di lavoro; non solo per le 50.000 benefattrici del sesso, ma anche, supponendo una media di 10 donne per casa d'appuntamento, per i circa 5.000 gestori dei bordelli.

- Ipotizzando un lordo medio di 40.000 euro l'anno (non ho mai sentito dire di prostitute che prendessero meno di 3.000-4.000 euro al mese), ciascuno dei nuovi posti di lavoro porterebbe allo stato non meno di 10.000 euro di entrate fiscali, sotto forma di tasse. Dunque, 10.000 euro x 55.000 fa esattamente 550 milioni di euro all'anno, quasi il doppio del prestito ponte fatto all'Alitalia.
Dunque in 40 anni lo Stato ha perso la bellezza di oltre 20 miliardi di euro grazie alla legge Merlin, che ha chiuso definitivamente le case chiuse... mica male!

- La legalizzazione porterebbe un controllo sanitario totale, cosicché la malattie si diffonderebbero in maniera significativamente minore.

- Si ridurrebbe quasi a zero la tratta delle donne dall'est europeo e dall'Africa gestita dalla criminalità organizzata.

- Non avremmo più i bordelli a cielo aperto in intere zone delle nostre città, dove ormai non è più possibile circolare la sera.

Possono bastare queste 5 motivazioni per cambiare mentalità anche agli ipocriti che ci governano da decenni?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


10 commenti:

andrea ha detto...
 

be nulla contro di te ma detto da uno che vota a destra forse la risposta dovresti saperla già..si si lo so che era retorica la domanda ma tant'è :)

Riccardo ha detto...
 

Ormai seguo le orme di Marzullo: mi faccio una domanda e mi do pure una risposta :)

Rufino ha detto...
 

Secondo il mio punto di vista la Chiesa ha una fortissima influenza su questa scelta!Sono d'accordo sul fatto che dovrebbe essere legalizzato,e detto da uno che ha sempre appoggiato la Destra,quella vera,non quella confluita nel PDL,mi sembra già un buon passo avanti...

Riccardo ha detto...
 

Concordo Rufino, se non ci fosse il Vaticano in Italia probabilmente la legge Merlin non sarebbe mai esistita.

LMJ ha detto...
 

Riccardo, appena arrivato sul tuo blog grazie al video su ameri (?) questo post è da appendere davanti al San Pietro la domenica mattina, oltre che ovviamente davanti a Montecitorio. stando a sinistra è un ragionamento lapalissiano è nondimeno illuminante per chiarezza.

LMJ ha detto...
 

l'ultimo è un "e", non "è" :-)

Riccardo ha detto...
 

Grazie LMJ, se hai modo di andare a Roma... sai a chi farlo leggere :)

damiano ha detto...
 

sono daccordo su tutto tranne sul fatto che ci debbano guadagnare i gestori xche cosi sarebbe solo 1 altro modo di sfruttamento al posto di guadagnarci i criminali ci guadagnano gli imprenditori sempre sul lavoro di queste poverette visto che fare la puttana nn penso sia piacevole

Riccardo ha detto...
 

Ok Damiano,

però considera che nessuno lavora gratis e quindi anche il gestore della "casa chiusa" dovrebbe avere un guadagno. Forse potrebbe ricevere uno stipendio dallo Stato, come fosse un dipendente pubblico.

Anonimo ha detto...
 

allora le case chiuse generebbero come le imprese private sicuramente dei gettiti fiscali, però non è detto che perchè guadagnano allora paghino le tasse. e se la gdf fa fatica a star dietro alle società allora non credo stia dietro ai bordelli.
poi è un settore un pò delicato si potrebbero creare delle vere e proprie associazioni a delinquere sfruttando i desideri stani di alcuni uomini che magari poi vengono ricattati sentendosi in sicurezza, nel bordello.
per le malattie si sono pienamente favorevole perchè un esercizio dichiarato ha i suoi non costosi costi che fanno del bene.
per le tratte delle ragazze del est, e non solo, non cesserà visto che la tratta stessa è gestita da criminali e non da professionisti del business.
per il lato chiesa è solo un falso blocco in quanto non è legalizzando la prostituzione che si commette reato religioso ma andando li quindi il problema è dei fedeli e non del legislatore.
sicuramente coloro che prendono gli affitti in nero di abitazioni o appartamenti fatiscenti o comunque non in regola e che solo prostitute ma ricordiamo anche prostituti, e chi ci va dietro, o peggio ancora minorenni, possono permettersi di affittare è ancora più ignobile di vendere il proprio corpo.
non sono contro le prostitute anzi ognuno sceglie la vita che gli va meglio però che ci sia gente che predente di sfruttare queste cose. non non ci sto. anche perchè sono sicuramente i primi a putnare il dito e detestarli.


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.