24 gennaio 2011

Come risparmiare un milione di euro


Come guadagnare un milione di euro, come risparmiare un miliardo di lire, mettere da parte i soldi, come avere una pensione sicura, risparmiare soldi"Nella mia vita non riuscirò mai a fare un milione di euro". "Con gli stipendi di oggi è impossibile mettere da parte un po' di soldi, figuriamoci un milione di euro". Quante volte avete sentito queste frasi?

Certo, riuscire a risparmiare un milione di euro non è un'impresa realizzabile in pochi giorni, a meno che non siate grandi imprenditori o una stella del calcio. Quel che è certo è che (quasi) chiunque può riuscirci. Non ci credete?


Immaginate di mettere da parte un euro al giorno, tutti i giorni. Il costo del caffè al bar o del biglietto del bus, per un totale di 30 euro al mese. Adesso considerate un rendimento del 10% annuo di questi soldi, attraverso investimenti finanziari a medio rischio (in banca al massimo vi offrono il 2-3% lordo sui conti deposito, ma già con un fondo bilanciato è possibile superare il 10%).

Con questo semplice metodo e grazie agli interessi maturati (che a loro volta generano interessi), è possibile raggiungere il milione di euro in "soli" 57 anni. Il vecchio miliardo di lire (500.000 euro) si otterrebbe invece in 50 anni.

Adesso osservate bene la tabella sottostante. Aumentando la cifra giornaliera (fermo restando il rendimento annuo al 10%), l'obiettivo del milione di euro si realizzerebbe come segue:




Guardate la differenza: mettendo da parte 10 euro al giorno (cifra alla portata di molte famiglie) si impiegano 34 anni, ma ipotizzando anche un capitale di partenza aggiuntivo di 20.000 euro (frutto di risparmi precedenti, eredità, ecc.) l'obiettivo si raggiungerebbe in 30 anni.


Qualcuno adesso obietterà, giustamente, che tra 30 anni il potere d'acquisto non sarà lo stesso: calcolate che con un'inflazione media al 2%, i prezzi in 3 decenni saranno quasi raddoppiati, ma voi avrete comunque messo da parte un milione di euro che avrà un potere di acquisto pari a oltre 500.000 euro attuali, ovvero quando basta per poter condurre una vita agiata, avere una vecchiaia tranquilla senza dipendere dall'INPS e poter lasciare qualcosa ai propri figli.


Se ci pensate bene, l'Italia continua ad andare avanti nel benessere (nonostante la crisi, la crescita economica pari a zero ed il consumismo sfrenato) grazie ai risparmi oculati dei nostri nonni e di una parte dei nostri genitori. Terminati quelli, quali sicurezze ci resteranno?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


9 commenti:

Anonimo ha detto...
 

Grazie del consiglio! quali sono gli investimenti a medio rischio di cui parla?, è possibile che prestando i soldi alle banche c'è rischio di renderle ancora più forti e così ancora più autoritarie verso il cittadino medio che soffre per vivere?. grazie E.M.

Riccardo ha detto...
 

Per esempio, un fondo bilanciato potrebbe essere una soluzione. Guarda qua per vedere i loro rendimenti a 12 e 24 mesi:

RENDIMENTI FONDI BILANCIATI.

ciao

Anonimo ha detto...
 

ma che cosa stai a dire?? ma capisci che 1 0 euro al giorno sono 300 euro al mese,e un cittadino italiano in media prende 1200 euro al mese,in piu l'affitto di un appartamento che in media coata 500 euro,la spesa al supermercato ((150 euro mensili)) e le esigenze varie!E non dimenticare le bollette 200 euro mensili (risparmiando!!)
Facciamo il conto 1200-300-500-150-200=50 euro per esigenze varie. mentre senza il risparmio ottieni 350 euro per vivere!!!!!!!

Anonimo ha detto...
 

Impossibile attuarlo, 300 euro al mese per una famiglia che arriva precisa o quasi con gli stipendi, sono troppo soldi da "investire". Difficile poi che tutti abbiano quei 20.000 euro di partenza. Infine c'è sempre il rischio nell'investimento, può anche andar male e in ogni caso il 10% annuo non è fisso, magari.

Praticamente impossibile.

Anonimo ha detto...
 

penso che 10 euro siano troppe ma 5 e' possibile e poi non facciamo gli ipocriti diamo tanta importanza alle 10 euro ci lamentiamo di non riuscire ad arrivare a fine mese e poi ci ritroviamo a grattare gratta e vinci da 20 euro nei tabacchini oppure a farci venire il torcicollo per guardare le estrazioni nei monitor del 10 e lotto e tutto il consumismo ed i capi griffati ai quali non si vuole rinunciare e la macchina che si usa anche solo per andare a 100 metri per fare la spesa.........ma dispiace dirlo il governo ci ha massacrati ma noi abbiamo perso il valore del denaro,avete mai pensato....al lavavetri ho dato 50 centesimi.....ma ai tempi della lira gli avrei mai dato 1000 lire??

Riccardo ha detto...
 

Concordo pienamente con quanto hai scritto: abbiamo (hanno) veramente perso il valore del denaro. Ciao!

Anonimo ha detto...
 

se qualcuno conosce un metodo per fare soldi non va certo a dirlo a tutti

Phitio ha detto...
 

Hai dimenticato che quel 10% e' si un rendimento , ma e' direttamente correlato al rischio di investimento.
In 30 anni un rendimento del 10% e' garantito che ti faccia perdere parte del capitale.

Specie di questi tempi, dove niente, niente e' garantito, apartire dal tuo posto di lavoro e dalla tua capacita' di avere un reddito.

Il discorso dei risparmi oculati e' tuttavia perfettamente valido, senza grossse illusioni di arricchimento.

Anonimo ha detto...
 

Un rendimento del 10% annuo è PURA FANTASIA!


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Related Posts with Thumbnails

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.