Related Posts with Thumbnails

7 dicembre 2009

Scappare dall' Italia verso altri paesi: Scappo.it


Chi non ha mai sognato, dopo anni passati a fare un lavoro poco soddisfacente, stressante o sottopagato, di mollare tutto e tutti e di scappare verso paesi più o meno esotici in cerca di fortuna?


Se anche voi appartenete a questa folta schiera di persone, fate un salto su Scappo.it, un sito web che raccoglie centinaia di esperienze di coloro che hanno trovato il coraggio di compiere questo passo e di lasciare l'Italia definitivamente.


C'è chi ha trovato l'amore, chi si è inventato un lavoro completamente diverso da prima, chi campa di rendita, chi ha ritrovato la salute e la gioia di vivere, chi ha messo su famiglia e sopratutto chi in Italia non ci metterebbe più piede.


Perchè? Leggetevi un po' di commenti e racconti di queste persone, forse capirete meglio cosa li ha spinti a cambiare vita e quello che hanno trovato in questa nuova avventura; magari riusciranno ad infondere un po' di coraggio anche a voi, che ci state pensando da anni, ma che continuate a rimanere dietro la vostra scrivania e dentro la solita routine quotidiana.

Qua invece potete scoprire dove vivere con 800 euro al mese.


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


4 commenti:

Giuseppe Nicosia ha detto...
 

Un sito davvero utilissimo! Ottima segnalazione! :-)

Anonimo ha detto...
 

un sito di tristezza! credo che qualsiasi italiano lo leggessi capirebbe meglio che la vita e un m... in italia!
spero che un giorno i politici lo capiscano

chechimadrid ha detto...
 

io sono scappata!...e condivido!

escape from italy ha detto...
 

http://escapefromitaly.weebly.com/


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.