Related Posts with Thumbnails

11 gennaio 2008

Rifiuti: TARSU e la sua logica ottusa


A volte mi domando quale sia la ratio che sta dietro certi tipi di tassazione.
Ad esempio, lo sapete che la TARSU (TAssa smaltimento Rifiuti Solidi Urbani) si paga ai Comuni proporzionalmente ai metri quadrati (mq) della propria abitazione?

Dove sta la logica??? I rifiuti sono costituiti per la maggior parte da scarti di cibo, contenitori per alimenti (plastica, vetro, cartone), carta, sporcizia, oggetti di casa.

Ad esempio, se uno vive da solo in una casa di 150 mq pagherà di TARSU molto di più di una famiglia di 4 persone che vive in 60 mq, nonostante, in teoria, produca meno della metà della loro spazzatura.
Dunque la TARSU non è altro che un ICI aggiuntiva, mascherata abilmente.

Secondo me bisognerebbe rimodulare questa tassa in base al nucleo familiare, magari facendo pagare per un 50% proporzionalmente alla grandezza dell'abitazione e per un 50% al numero di occupanti.
Si potrebbe magari tassare diversamente le aree "verdi" di una casa (il giardino) che potrebbero produrre rifiuti organici voluminosi, mentre un discorso a parte andrebbe fatto per le aziende.

Sto dicendo stupidaggini o qualcuno la pensa come me?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


4 commenti:

Anonimo ha detto...
 

Mi trovi totalmente d'accordo!
è una tassa che andrebbe rivista in base al volume prodotto, e forse dovrebbe tener conto di chi si "smazza" a fare la raccolta differenziata e chi invece se ne frega è fa di tutto un mucchio poltiglioso!
ecco!
ciao ciao
elle
www.ilblogdielle.com

Rufino ha detto...
 

Non parliamo di rifiuti proprio in questi giorni...Sono della campania e sono profondamente deludo!Paghiamo tantissimo ogni anno di tarsu per ritrovarcela in mezzo le strade...

Anonimo ha detto...
 

Ciao! le altre nazioni civilizzate europee optano per un sistema infallibile: i sacchetti di plastica per raccolta differenziata, hanno un costo maggiore rispetto al reale costo, infatti la tassa sul rifiuto viene pagata sul sacchetto stesso. Quindi consumi un sacchetto ? paghi tot, ne consumi 10 paghi tot. Con questo sistema piu' produci rifiuti, piu' compri sacchetti, piu' paghi. Io sono un single che ha una casa di 100 mq a roma e non ci sono praticamente mai, pago comunque come la famiglia davanti al mio androne che ha 4 figli pestiferi che producono tonnellate di immondizia. P.s complimenti per il blog!!! Carlo

Riccardo ha detto...
 

Ciao Carlo,
come non darti ragione??!!!
Invece di pensare a risolvere i propri problemi, bisognerebbe che chi ci governa pensasse anche a certe assurdità legislative.

Grazie per i complimenti e a presto!


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.