Related Posts with Thumbnails

5 marzo 2007

Banche addio, arriva Zopa


Non tutto il "peer to peer" vien per nuocere. In Inghilterra infatti è nato un servizio, Zopa, che permette di condividere... soldi.

Avete capito bene! In pratica Zopa funge da intermediario finanziario (è regolarmente iscritto al relativo albo) e permette di ottenere prestiti monetari ad un tasso di interesse molto inferiore rispetto a quelli del mercato ordinario. Allo stesso tempo è possibile "prestare" a Zopa i propri soldi per avere un ritorno economico superiore a quello che si avrebbe con una banca tradizionale.

Chiaramente anche Zopa vuole la sua parte, ma si accontenta di un "misero" 0,5%.
Coloro che si affidano a questo servizio vengono valutati in base alla loro solvenza, la quale genera successivamente un feedback positivo o negativo dell'utente. Migliore è la valutazione, migliori saranno le condizioni economiche del prestito. Nel caso poi di insolvenze, Zopa si affiderà ad una società di recupero crediti per tutelare i clienti onesti.

Questo servizio è arrivato anche in Italia e potrebbe essere l'ennesima rivoluzione di internet... che sia il principio della fine per le banche?


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


1 commenti:

Anonimo ha detto...
 

Gentilissimo,
La informiamo che questo suo post è stato pubblicato su "ilVolterino" (www.ilvolterino.com).
Nella speranza di aver fatto cosa gradita, Le porgiamo Distinti Saluti.

Francesco Temporin
LaRedazione de ilVolterino
www.ilvolterino.com
redazione@ilvolterino.com


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.