Related Posts with Thumbnails

19 novembre 2011

Come fare la pizza in padella


Pizza in padella, come fare la pizza in casa
Ho sempre considerato il binomio pizza-forno come imprescindibile, ma dopo questo articolo anche voi scettici dovrete ricredervi. Tutto è nato l'altro giorno, mentre stavo rimuginando sul problema di dover accendere il forno elettrico almeno mezz'ora prima di infornare la pizza, così mi domandai se fosse mai possibile cuocere questo alimento all'interno di una normalissima padella.
Con mia grande sorpresa, ho scoperto che questa tecnica è già stata sperimentata da altri con successo ed allora anch'io ho voluto testare personalmente la ricetta della pizza in padella.


Dopo aver preparato la pasta per la pizza in casa (500 gr di farina, una bustina di lievito in polvere, 4 cucchiai d'olio, un cucchiaino colmo di sale e mezzo cucchiaino di zucchero) ed averla lasciata lievitare per un paio d'ore in un luogo tiepido ed umido (oppure, molto più velocemente, dopo aver acquistato la pasta per pizza già pronta al supermercato), si stende la pasta formando tanti dischi circolari grandi quanto la padella ed alti circa mezzo centimetro.


 A questo punto si mette la padella antiaderente (va bene anche il "testo", ovvero la padella per piadine) sul gas e si fa scaldare bene. Quando la superficie sarà calda, si adagia sopra la pasta stesa e si lascia cuocere per 4-5 minuti con un coperchio sopra (meglio se trasparente), stando attenti che non si bruci. Trascorso questo tempo, si gira la pizza dalla parte opposta e si inizia a farcire buttando sopra pomodoro, mozzarella, origano, sale e tutto quello che ci piace (ovviamente devono essere preparati in anticipo). Si lascia a fuoco medio per altri 4-5 minuti, sempre coperto, ed in questo modo in soli 10 minuti avrete pronta una pizza buonissima, anche un po' bruciacchiata come quella fatta nel forno a legna. Provare per credere.

In alternativa, potete imparare finalmente a fare la pizza napoletana in casa.


Ti ringrazio anticipatamente se condividerai l'articolo su Google+, Facebook o Twitter. Se preferisci, puoi anche linkare il post dal tuo blog o sito web.


0 commenti:


Ogni tuo commento è gradito, possibilmente lasciando un nome/nickname ed evitando volgarità gratuite:

Informazioni Personali

Articoli piu' letti di recente

Archivio blog

Contatti e varie




Scrivimi

Google

CHIAMAMI CON SKYPE
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.